Home » Dzyuba a luci rosse…la Russia lascia a casa l’attaccante dello Zenit
News

Dzyuba a luci rosse…la Russia lascia a casa l’attaccante dello Zenit

La Russia, in vista dell’amichevole contro la Moldavia e delle partite valide per la Nations League contro Turchia e Serbia, ha deciso di lasciare a casa uno dei suoi uomini più rappresentativi, l’attaccante dello Zenit San Pietroburgo Artem Dzyuba. Il motivo è presto detto. Nella serata di sabato è iniziato a circolare in rete un video che mostra il 32enne a letto presumibilmente nell’atto di masturbarsi. Inutile dire che la clip è diventata virale nel giro di poche ore…

Clamorosa esclusione dalla Nazionale Russa per l’attaccante dello Zenit San Pietroburgo (in settimana avversario in Champions League della Lazio), Artem Dzyuba. La Russia allenata da Stanislav Cherchesov sarà impegnata nei prossimi giorni in un’amichevole contro la Moldavia e poi in due decisive sfide di Nations League in Turchia e Serbia. La decisione della Federazione è avvenuta in seguito alla diffusione sul web di un video, diventato immediatamente virale, che ritrarrebbe l’attaccante 32enne nell’atto di “autocompiacersi“. Dzyuba, che è anche capitano della Nazionale, è stato subito escluso dalla lista dei convocati.

La Russia esclude Dzyuba

Il tabloid inglese Sun ha riportato le parole del Ct russo Cherchesov, il quale ha provato a dare una spiegazione alla mancata convocazione dell’attaccante: “La situazione Dzyuba non ha nulla a che fare con la Nazionale dal punto di vista sportivo“, ha spiegato il tecnico. “Pertanto non vediamo la necessità di fornire commenti dettagliati su questo argomento“. Poi ha aggiunto: “Lo staff tecnico della Nazionale capisce però molto bene che la squadra dovrebbe prepararsi per le partite di Novembre in condizioni di massima concentrazione e non farsi distrarre da cose estranee. Abbiamo sempre sottolineato che tutti, dentro e fuori dal campo di calcio, devono corrispondere al livello e allo status di un giocatore della Nazionale“. Infine il Ct ha cercato di fare da scudo alla squadra: “A tal proposito, oggi si è deciso di non chiamare Dzyuba all’attuale ritiro per tutelare sia la squadra che il calciatore da eccessivi negatività e stress. Dzyuba avrà il tempo di normalizzare la situazione. Spero che questo argomento non venga più sollevato durante il lavoro della squadra in questo ritiro“.