Toni Kroos si scaglia contro FIFA e UEFA: “Siamo i loro burattini”

Mentre il presidente del Real Madrid Florentino Perez sogna una Super League mondiale con l’approvazione della FIFA, il centrocampista blancos Toni Kroos attacca la federazione internazionale e la UEFA e si dichiara contrario all’idea dell’imprenditore spagnolo e alle nuove competizioni. Il patron delle merengues, secondo il New York Times, avrebbe già avuto diversi colloqui con il presidente della FIFA Gianni Infantino, ma c’è chi, sempre a Madrid, rema contro a Perez. Ironia della sorte, infatti, le critiche più forti provengono proprio dal club, da Toni Kroos. Il giocatore tedesco rifiuta categoricamente l’idea di una nuova competizione ma sa anche che i giocatori non hanno molta voce in capitolo in queste situazioni. Tanto che il 30enne definisce i calciatori come dei burattini in mano alle federazioni.

Toni Kroos si scaglia contro FIFA e UEFA: “Siamo i loro burattini”

Il tedesco ha parlato di UEFA e FIFA durante un episodio di “Einfach mal Luppen”, podcast che conduce con suo fratello Felix, centrocampista dell’Eintracht Braunschweig: Sfortunatamente, noi come giocatori non possiamo decidere. Siamo solo i burattini di FIFA e UEFA. Se ci fosse un’unione di giocatori, non giocheremmo una Nations League o una Supercoppa spagnola in Arabia Saudita. Queste competizioni servono a risucchiare tutto finanziariamente. Io sono favorevole a lasciare cose del genere ma quando sono buone”. Suo fratello ha poi aggiunto: “La tradizione è la cosa più importante. Tutti conoscono il campione del mondo 1954 ma nessuno conosce il vincitore dell’ultima Nations League. È di nuovo tutta una questione di soldi”.

Ma Toni Kroos non si scaglia solamente contro FIFA e UEFA. Il tedesco non apprezza anche alcune esultanze, soprattutto quelle più moderne e stravaganti: “Se ci sono danze o coreografie provate, penso che sia sciocco. Oppure esultare con le maschere. Ho sempre trovato Gerd Müller carino. Una vera gioia e nient’altro”. Kroos in fondo è famoso per le sue esultanze pacate dopo i suoi gol. Il fratello Felix però, su questo punto, non era d’accordo: “Oh, non ha senso. Non ha fatto male a un giocatore pensare agli applausi quando ha segnato il gol. Non lo farei neanche io, ma la gente dovrebbe farlo”.

LEGGI ANCHE

Html code here! Replace this with any non empty raw html code and that's it.

I PIù LETTI DELLA SETTIMANA