Home » Brutta avventura per l’ex Udinese Obodo, sequestrato a causa della nazionale nigeriana
News

Brutta avventura per l’ex Udinese Obodo, sequestrato a causa della nazionale nigeriana

Christian Obodo ex centrocampista di Perugia, Fiorentina e Udinese (tra le tante) ha vissuto un brutto episodio in Nigeria. Il ragazzo è stato sequestrato da uomini armati mentre si trovava con la sua fidanzata a Warri, città nigeriana sul delta del Niger. Alla fine l’ex calciatore è stato rilasciato ma non prima di essere derubato. È la seconda volta che gli capita, era infatti già accaduto nel 2012 mentre si recava in chiesa ed era stato rilasciato a seguito del pagamento del riscatto da 150mila euro.

LEGGI ANCHE:

Obodo racconta quanto gli è accaduto

Il centrocampista si era fermato a comprare della frutta, ma una volta sceso dall’auto degli uomini l’hanno trascinato in un’altra macchina. Obodo ha raccontato all’emittente radio Brila quanto gli è successo: “Hanno spinto la mia fidanzata fuori dall’auto, ho pregato e chiesto di poter parlare con loro e ho chiesto cosa volevano. Mi hanno minacciato che se avessi urlato mi avrebbero ucciso. Sono stato chiuso per 4 ore nel bagagliaio di una macchina, al caldo. I rapitori mi hanno detto anche di aver perso dei soldi scommettendo sulle partite della nazionale nigeriana. Non mi hanno fatto male, né minacciato ma non capisco perché qualcuno voglia sempre farmi vivere situazioni del genere. Appena ho potuto sono scappato via”.

Arrivato in Italia nel 2001 al Perugia di Gaucci, Obodo è stato lanciato da Serse Cosmi ed ha disputate ottime stagioni in Umbria. Dopo una parentesi alla Fiorentina, si è trasferito all’Udinese richiamato da Cosmi. Dopo la positiva esperienza friulana, ha giocato nel Torino e nel Lecce prima di trasferirsi all’estero dove ha giocato in Bielorussia, Portogallo, Grecia e Romania dove ha chiuso la carriera nel 2017.