Non gli piace il posto sul bus e se ne va, Dennis salta gara Champions

Il Club Brugge affronterà, al Signal Induna Park, il Borussia Dortmund per la quarta giornata della fase a gironi di Champions League, ma lo farà senza Emmanuel Dennis. L’attaccante non è disponibile, non per infortunio o causa Covid-19, ma per un’assurda lite avvenuta sul bus del club. Il 23enne infatti si è arrabbiato perché non poteva sedersi dove voleva ed è stato lasciato in Belgio. Il nigeriano, che ha segnato il primo gol nella vittoria per 2-1 contro lo Zenit, avrebbe ricevuto anche una multa per il suo insensato sfogo.

Non gli piace il posto sul bus e se ne va, Dennis salta gara Champions

Il Brugge, durante questo periodo di pandemia di Coronavirus, ha imposto misure rigorose sul bus della squadra per la tutela, in primis, dei giocatori. Misure non apprezzate evidentemente da Emmanuel Dennis che, come riporta il quotidiano belga Het Laatste Nieuws, ha reagito con rabbia perché non gli era permesso sedersi dove voleva. Dopo l’acceso confronto, il giocatore ha abbandonato il bus del club e la squadra, invece, è partita in direzione Dortmund. Il 23enne salterà dunque, a causa dei suoi capricci, la partita di Champions. La società belga inoltre avrebbe già multato l’attaccante. Il tecnico del Brugge, Philippe Clement, ha confermato che il nigeriano è stato lasciato a casa per motivi disciplinari. 

L’allenatore, in conferenza stampa pre match, ha sottolineato che Dennis è in forma, ma non disponibile per la partita della fase a gironi in Germania: “Emmanuel è in forma, ma non è in squadra. Non ha seguito le regole del club, e questo è tutto quello che voglio dire a riguardo. Preferisco concentrarmi sui giocatori che sono a mia disposizione”. La squadra belga occupa attualmente il terzo posto nel Gruppo F e ha conquistato quattro punti nelle prime tre partite. Stasera affronta nuovamente il Dortmund, squadra con cui, alla terza giornata, ha già perso per 3-0.

LEGGI ANCHE

Html code here! Replace this with any non empty raw html code and that's it.

I PIù LETTI DELLA SETTIMANA