L’elogio a Giroud di Patrice Evra: “Se solo si chiamasse Giroudinho…”

Da possibile cessione e ultima scelta dell’attacco del Chelsea a titolare e fondamentale negli schemi di Frank Lampard: la scalata di Olivier Giroud è stata dura e ripida, ma il francese, 34 anni, si è ripreso i Blues a suon di goal e prestazioni. Spesso sottovalutato, l’attaccante è reduce dai quattro goal rifilati al Siviglia in Champions League e dalla rete segnata contro il Leeds di Bielsa. Gli elogi per lui sono ora unanimi, e arrivano anche dal suo connazionale Evra.

Sembrava destinata a finire la storia di Olivier Giroud al Chelsea, con il francese in procinto di cambiare aria dato che il tecnico dei Blues gli preferiva il neo acquisto Timo Werner e il giovane Tammy Abraham. Il lavoro, l’abnegazione e soprattutto i goal lo hanno invece riportato nelle grazie del tecnico inglese, e adesso Giroud è diventato elemento imprescindibile dell’attacco del Chelsea. Il suo celebre connazionale, l’ex terzino di Manchester United e Juventus Patrice Evra, ha provato a spiegare perchè l’attaccante viene spesso sottovalutato nonostante il suo alto rendimento. Colpa del suo… nome.

Evra sicuro su Giroud

Penso che l’unico problema di Giroud sia il suo nome“, ha detto Patrice Evra parlando a Sky Sports. “Se il suo nome fosse Giroudinho o qualcosa del genere la gente lo vorrebbe sempre titolare. Per me è l’attaccante più completo che ha il Chelsea e non capisco perché anche nella nazionale francese la gente lo metta sempre in discussione“. Evra difende a spada tratta il suo connazionale: “Anche quando era all’Arsenal veniva sempre criticato. Ma lui accetta sempre la sfida ed è quello che amo di Olivier“. L’ex terzino non ha dubbi: “Se lo avessi da allenatore, giocherebbe nella mia squadra al 100%“. Per ora il suo allenatore è però Frank Lampard, che tuttavia sembra aver capito che al momento di Olivier Giroud, lui e il suo Chelsea non possono proprio fare a meno…

LEGGI ANCHE

Html code here! Replace this with any non empty raw html code and that's it.

I più letti