Dalla Spagna, Piquè si candida alla presidenza del Barça: scherzo o no?

Gerard Piqué si candida alle elezioni per la presidenza del Barça. Ma è uno scherzo oppure no? Oggi in Spagna è il ‘Dia de los inocentes’, che è come il nostro primo aprile, e il Mundo Deportivo lancia la notizia. Il 33enne avrebbe deciso di fare il grande passo. Fermo a causa di una lesione del crociato, avrebbe scelto di portare avanti altri progetti e di presentarsi alle elezioni per la presidenza blaugrana. Il catalano ha recentemente rifiutato di sottoporsi a un intervento chirurgico e, secondo le raccomandazioni dei medici del club, si sta sottoponendo a un trattamento conservativo. Viste però le poche garanzie sulle condizioni del suo ritorno in campo e il momento particolarmente difficile per il club avrebbe deciso di aspirare al seggio presidenziale. Un compito, quello di presidente, che potrebbe anche essere associato a quello di giocatore, ma a livello quasi simbolico, per contribuire ad aiutare i giovani dello spogliatoio.

Dalla Spagna, Piquè si candida alla presidenza del Barça: scherzo o no?

Il difensore avrebbe già chiesto al club le 65mila schede necessarie per le firme che dovrebbe raccogliere nei prossimi giorni. Avrebbe anche parlato con il presidente ad interim dei blaugrana, Carles Tusquets, in merito a una piccola modifica dello statuto. I giocatori attivi infatti, secondo le norme, non possono essere presidenti. Gerard avrebbe ragionato parecchio su questa decisione. L’umiliazione con il Bayern, nella famosa gara chiusa 2-8 per i tedeschi, sarebbe stata il suo punto di svolta. Il numero 3 blaugrana si era subito offerto di lasciare la squadra, ma Koeman lo ha convinto a continuare. Il 33enne però, secondo quanto riporta Mundo Deportivo, crede sia giunto il momento di cambiare ruolo. Da giocatore ha già dato il meglio di sé e ora potrebbe fare lo stesso da presidente. 

Gerard rispetta il resto dei candidati, soprattutto Joan Laporta perché è già stato presidente per due anni, ma crede allo stesso tempo di avere il giusto carisma e le giuste conoscenze per batterli. E, sebbene non abbia alcuna esperienza manageriale, suo nonno Amador Bernabeu, vice presidente del club fino a due settimane fa, potrebbe sicuramente aiutarlo. Piqué avrebbe già pianificato alcune azioni per generare entrate, come trasformare il Camp Nou in una sede abituale per concerti per le più grandi star della musica. Ma non solo questo, il difensore starebbe valutando qualunque possibilità possa generare reddito. È uno scherzo oppure no? Lo scopriremo presto.

LEGGI ANCHE

Html code here! Replace this with any non empty raw html code and that's it.

I più letti