Home » Gary Lineker e l’Arsenal salvano un giovane tifoso dal suicidio
News

Gary Lineker e l’Arsenal salvano un giovane tifoso dal suicidio

Gary Lineker e Arsenal

Gary Lineker e Arsenal eroi di Capodanno. L’ex attaccante e il club hanno salvato un giovane tifoso dal suicidio. Jake Coare, un fan Gunners con la sindrome di Asperger (disturbo pervasivo dello sviluppo annoverato tra i disturbi dell’autismo), ha infatti minacciato di uccidersi sui social media ma grazie al tempestivo aiuto dell’ex giocatore e della società londinese si è evitato il peggio. Sia il club che il 60enne hanno teso la mano al un giovane tifoso, che ora fortunatamente sta bene.

Gary Lineker e l’Arsenal salvano un giovane tifoso dal suicidio

Jake, come spiega Mundo Deportivo, ha espresso sul suo account Twitter il suo desiderio di togliersi la vita. Il ragazzo non riusciva più a convivere con la sua sindrome di Asperger e con l’autismo, ma è anche caduto in depressione a causa della pandemia di coronavirus: “Spero di aver preso abbastanza di questi (farmaci) per porre fine alla mia vita. Sono stufo di essere solo, vivere con la sindrome di Asperger e sono stufo di vivere con depressione e ansia e non vedo motivo per andare avanti. Questa epidemia di Covid-19 mi ha fatto capire che sono inutile e non ho motivo di vivere, quindi questo è un addio”. Centinaia di persone e di tifosi dell’Arsenal preoccupati per il giovane hanno subito tentato di aiutarlo, diffondendo il messaggio pubblicato. Gary Lineker, allertato da alcuni utenti, ha cominciato a seguire il ragazzo e gli ha chiesto di mettersi in contatto con lui. 

Lineker gli ha offerto una visita alla BBC tramite il suo account, invitandolo anche al suo programma “Match of de Day” come opinionista sulle gare dell’Arsenal: “La mia offerta è ancora valida. Vieni e ci assicureremo che Ian Wright sia presente perché so che sei un Gunners”. Anche il club di Londra, allertato dai tifosi, è intervenuto sulla vicenda: “Grazie per aver portato questa storia alla nostra attenzione. Siamo stati informati che la polizia ha contattato Jake. Grazie a tutta la nostra famiglia Arsenal per il loro supporto. I nostri pensieri sono con Jake”.