Home » Bergomi: “L’Inter non è da scudetto, lo vincerà il Milan…” ed esplode la rabbia dei tifosi
News

Bergomi: “L’Inter non è da scudetto, lo vincerà il Milan…” ed esplode la rabbia dei tifosi

bergomi milan

Durante la trasmissione di Sky Sport Calciomercato – L’originale, Beppe Bergomi si è lasciato andare a delle previsioni sullo scudetto, elogiando il Milan e sminuendo l’Inter. Parole che non sono ovviamente scese giù ai supporters nerazzurri e sono state viste come una gufata da parte dei rossoneri. Specie dopo le sconfitte della squadra di Conte contro la Sampdoria e quella di Pioli contro la Juve.

Bergomi punta sul tricolore al Milan

Sin da subito il Milan ha fatto cose incredibili, è tra le favorite – ha detto l’ex difensore della Nazionale qualche giorno fa -. Ha una grande rosa, Theo Hernandez è velocissimo e nessuno ha uno come lui. Calabria sta giocando molto bene, è il giocatore che ha recuperato più palloni. Kessiè è il miglior centrocampista del campionato, è completo e forte tecnicamente. Sulla trequarti Calhanoglu fa tutto. Loro due si integrano alla perfezione con la punta e il gioco di Pioli”. Bergomi ha poi sminuito la sua ex squadra: “Sono forti, ma non sono la migliore rosa del campionato, per me sono il quarto organico del campionato. Il loro unico valore aggiunto è Antonio Conte”. In studio Paolo Condò e Riccardo Trevisani gli hanno risposto che solo la Juve sulla carta è superiore all’Inter, ma Bergomi ha tenuto il punto: “Rispetto la vostra opinione ma continuo a pensare che ci sono 3 squadre più forti”.

Inevitabili le critiche dei tifosi nerazzurri che non hanno gradito il “tradimento” dell’ex capitano che è tornato sulla questione in un’intervista al quotidiano QS: “Non capisco la diffidenza. Vedo forza, autostima, entusiasmo in questo Milan. So che dicendo questo gli interisti si arrabbiano, però i fatti sono lì. Nel calcio di oggi servono giocatori veloci, con cambio di passo tra esterni e attaccanti. Il Milan è completo da questo punto di vista. Non è più una sorpresa, se dopo quattro mesi sono ancora lì c’è un motivo”. Poi sull’Inter: “Una cosa è valutare le rose, un’altra è dire chi è favorito per lo scudetto”. Ieri pomeriggio i nerazzurri hanno inaspettatamente perso contro la Samp, mentre in serata il Milan ha perso 1 a 3 contro la Vecchia Signora.