Home » Capello perplesso sulle lacrime di Hasenhuttl: “Cose che non capisco”
News

Capello perplesso sulle lacrime di Hasenhuttl: “Cose che non capisco”

Capello lacrime Hasenhuttl

La scorsa settimana il Southapmton si è reso protagonista di una grande vittoria battendo di misura il Liverpool campione in carica della Premier League. Un risultato che ha permesso alla squadra di issarsi fino al sesto posto in classifica e che ha fatto letteralmente commuovere l’allenatore austriaco dei Saints Ralph Hasenhuttl. Lacrime che hanno lasciato molto perplesso un decano degli allenatori come Fabio Capello, che ha commentato l’episodio a SkySport.

La serata del 4 Gennaio è stata veramente speciale per il Southampton, che è riuscito a sorpresa a battere il Liverpool detentore del titolo di Premier League per 1-0. La rete dell’ex Danny Ings al secondo minuto, e una strenua ed efficace difesa nel resto della partita, hanno permesso ai Saints di ottenere un’importante ed insperata vittoria e di spingersi nelle zone alte della classifica. Un risultato talmente importante che l’allenatore dei biancorossi, l’austriaco Ralph Hasenhuttl, non è riuscito a trattenere le lacrime al termine del match. Ma le lacrime di Hasenhuttl hanno lasciato perplesso più di qualcuno, in particolare Fabio Capello, grande ex allenatore ora opinionista per SkySport.

Capello e le lacrime di Hasenhuttl

L’ex allenatore tra le altre di Milan, Juve, Real Madrid e della Nazionale Inglese, ha commentato l’episodio del pianto liberatorio di Hasenhuttl, consolato dall’allenatore degli avversari Klopp: “Non riesco proprio a capire questo genere di cose“, ha detto Capello. Poi ha aggiunto: “Stava facendo il suo lavoro, un po’ di emozione va bene in certe situazioni, ma ciò che è successo è completamente sopra le righe. Perché diavolo dovresti iniziare a piangere?“. Le lacrime così spontanee e liberatorie di Hasenhuttl dunque non sono affatto piaciute all’allenatore di Pieris. Ma è veramente necessario scindere in maniera così netta il lato emozionale del calcio da quello pragmatico? Secondo Capello, sì.