Home » Nuovo trofeo per Mansour, acquista la più antica FA Cup a prezzo esorbitante
News

Nuovo trofeo per Mansour, acquista la più antica FA Cup a prezzo esorbitante

Lo sceicco Mansour ha messo le mani su un nuovo trofeo. Questa volta, però, non è stato conquistato in campo dal Manchester City o da un’altra delle sue squadre ma è stato acquistato. Il 50enne infatti ha speso circa 850mila euro per aggiudicarsi la più antica FA Cup in circolazione. La coppa in questione è stata utilizzata per la famosa competizione britannica tra il 1896 e il 1910 ed è stata venduta a un “acquirente misterioso” lo scorso settembre. A metterla all’asta, il presidente del West Ham David Gold, che la possedeva dal 2005 e la considerava un “pezzo unico di storia del calcio”. Il pezzo è stato descritto dal banditore come un “tesoro nazionale da salvaguardare per la nazione”. Il timore però era che dopo la vendita venisse portato via dall’Inghilterra.

Nuovo trofeo per Mansour, acquista la più antica FA Cup a prezzo esorbitante

Ora, come riporta il Sun, si scopre invece che l’acquirente è il proprietario del Manchester City. Mansour lo invierà direttamente in prestito al National Football Museum, con sede a Manchester. Il presidente Citizens, Khaldoon al Mubarak, ha spiegato come mai questa FA Cup sia così importante per il club. Il trofeo rappresenta un punto di svolta: “Questa Coppa è un ricordo visibile della ricca e lunga storia del calcio inglese a cui il City è indissolubilmente legato. Vincere questo vero trofeo nel 1904 è stato un punto di svolta per il club e per la città, in quanto ha cementato saldamente il calcio nel cuore della sua comunità. Il punto di vista di Mansour è che un trofeo di tale importanza culturale deve essere condiviso con la gente di Manchester e con coloro che amano il calcio. E il National Football Museum è in una posizione unica per farlo”. 

L’amministratore delegato del museo Tim Desmond è felice invece che la coppa rimanga in Inghilterra: “Quando ci ha lasciato nel settembre 2019 per essere messa all’asta, temevamo di non vederla mai più. Questo particolare trofeo era tra i ‘gioielli della corona’ dei nostri manufatti. Il fatto che sia stato acquistato da Sua Altezza lo sceicco Mansour e offerto a noi è semplicemente una notizia meravigliosa. Non solo per il museo, ma anche per la conservazione del nostro patrimonio sportivo in questo paese”.