Home » La rivelazione di Laporta: “Avremmo potuto avere Ronaldo e Messi al Barcellona”
News

La rivelazione di Laporta: “Avremmo potuto avere Ronaldo e Messi al Barcellona”

Ronaldo Messi Barcellona

Tempo di campagna elettorale in casa Barcellona, dove a breve si terranno le elezioni per decidere il nuovo presidente. Tutti i candidati stanno rilasciando interviste, proclami e dichiarazioni per spostare voti dalla propria parte. Tra questi l’ex presidente dei blaugrana Joan Laporta, il quale parlando a Iniestazo, in un’intervista poi riportata da Goal.com, ha fatto una rivelazione clamorosa. I due giocatori più forti degli ultimi vent’anni, Cristiano Ronaldo e Lionel Messi, avrebbero potuto giocare insieme a Barcellona.

Una di quelle tipiche sliding doors che avrebbe potuto cambiare il volto del calcio europeo e mondiale degli ultimi vent’anni. I due fenomeni del calcio moderno, Cristiano Ronaldo e Lionel Messi, insieme con la maglia del Barcellona. Correva l’anno 2003, l’argentino appena 16enne già incantava con le formazioni giovanili dei blaugrana, mentre il portoghese che di anni ne aveva 18 aveva già mostrato sprazzi di classe con la maglia dello Sporting Lisbona. Quell’estate proprio CR7 fu offerto ai catalani, in un’operazione che, se si fosse concretizzata, avrebbe potuto regalare la coppia d’assi più letale mai concepita. A rivelarlo l’ex presidente del Barça, ora ricandidatosi per le imminenti elezioni presidenziali, Joan Laporta.

Ronaldo con Messi a Barcellona: cosa fece saltare l’affare

Stavamo per ingaggiare Ronaldinho e Rafa Marquez“, ha dichiarato Laporta a Iniestazo (intervista riportata da Goal.com). “L’agente di Marquez ci propose Cristiano Ronaldo, che all’epoca giocava per lo Sporting Lisbona“. Un Cristiano già promesso sposo del Manchester: “Uno dei suoi agenti ci disse che avevano un giocatore che avevano praticamente venduto allo United per 19 milioni, ma lo avrebbero venduto a noi per 17“. Il Barcellona però all’epoca declinò clamorosamente l’offerta “Avevamo già investito su Ronaldinho. Cristiano a quei tempi giocava più largo che al centro. Pensavamo di essere coperti in quella zona di campo, quindi rifiutammo la proposta. Non me ne pento“. A quasi vent’anni da quell’episodio, e dopo la carriera strabiliante del portoghese tra United, Real Madrid e Juventus, Laporta sarà veramente convinto di non essersi pentito del mancato affare?