Home » L’Arabia Saudita pronta a ricoprire d’oro Cristiano, ma il portoghese declina
News

L’Arabia Saudita pronta a ricoprire d’oro Cristiano, ma il portoghese declina

Arabia Saudita Cristiano

Un’offerta di quelle difficili da rifiutare, anche se ti chiami Cristian Ronaldo ed hai appena infranto il record di goal della storia del calcio toccando quota 760. Secondo quanto riportano in Inghilterra, il fenomeno portoghese avrebbe declinato le avances del governo dell’Arabia Saudita che voleva fare di lui il volto del turismo del paese. Ed era pronto a ricoprirlo d’oro…

Quando sei uno dei calciatori più pagati al mondo, con introiti milionari da sponsor e pubblicità, cosa sono la miseria di sei milioni di euro l’anno? Deve aver pensato questo il fenomeno portoghese Cristiano Ronaldo, quando ha risposto con un secco “No” all’offerta del governo dell’Arabia Saudita. I sauditi volevano l’attaccante della Juventus come testimonial della campagna pubblicitaria “Visit Saudi“, atta ad incentivare il turismo nel paese del Golfo Persico. L’accordo comprendeva visite del cinque volte Pallone d’Oro in Arabia e l’utilizzo della sua immagine su tutto il materiale promozionale. Alla base del rifiuto di CR7, secondo il Telegraph, la questione legata ai diritti umani, troppo spesso non rispettati in Arabia.

Cristiano dice no all’Arabia Saudita, gli arabi contattano Messi

Ricevuto il gran rifiuto di Cristiano Ronaldo, il governo dell’Arabia Saudita, sempre stando a quanto riportato in Inghilterra, avrebbe contattato il grande rivale del portoghese Leo Messi. Anche l’argentino avrebbe però declinato l’offerta del paese del Golfo Persico, che sarebbe quindi rimasto a mani vuote e senza testimonial per la sua faraonica campagna pubblicitaria. L’Arabia Saudita mira a diventare un attraente polo turistico. La reputazione del paese però è ai minimi storici a causa della questione relativa al rispetto dei diritti umani. Avere CR7 o Messi come volto del turismo sarebbe stato certamente un grande colpo. Entrambi i calciatori hanno avuto il timore però di legare il proprio nome a quello del paese. Gli entourage del portoghese e dell’argentino non hanno rilasciato commenti a riguardo.