Dopo Zenga, anche Bachini biasimato dalle figlie: “Non sappiamo manco se è vivo…”

Asia e Sandy sono state ospiti di Live Non è la D’Urso e hanno raccontato di non avere più rapporti con il padre Jonathan Bachini, ex terzino di Brescia e Juventus, salito alle cronache qualche anno fa per essere stato radiato dal calcio. Dopo la situazione Zenga, un altro ex calciatore cade nel vortice delle polemiche televisive.

LEGGI ANCHE:
Capello critica Ibra: “Sanremo? È pagato dal Milan e deve avere rispetto”
Hojbjerg, legame speciale con Guardiola: “Mi stette vicino quando mio padre si ammalò”
Melissa Satta sulla rottura con Boateng: “Un dolore enorme”

Le figlie di Bachini raccontano ce il padre è sparito

“Sono circa tre anni e mezzo che non sappiamo più niente di nostro padre – inizia così l’intervista alle due figlie di Bachini -. Reputo mi abbia fatto tanto male – spiega Asia -, non a livello economico perché non mi interessa ma a livello morale. Vorrei chiedergli che cosa gli ho fatto di male. Avevamo un bel rapporto. Da quando ha conosciuto questa donna è diventato apatico, si è trasformato. Sono due anni e mezzo che non ho sue notizie, non so se è vivo o morto“. La secondogenita ha poi chiosato: “Una volta l’ho chiamato, mi ha detto chi sei e quando ho detto ‘Sandy’, mi ha attaccato il telefono in faccia. Non l’ho più sentito. Da allora mi sono detto basta, non ne vale più la pena”.

L’ultima intervista di Bachini risale a due anni fa quando chiese pubblicamente a Infantino che gli venisse revocata la squalifica a vita, arrivata nel 2006 per recidiva alla cocaina: “Sono passato dallo stipendio da calciatore a quello da operaio. Ho pagato per i miei errori, ma così mi è stato tolto un pezzo di vita. E soprattutto mi hanno negato ogni aiuto. Un anno e mezzo fa ho chiesto la grazia alla Federazione. Mi hanno risposto di no. Mi sono rivolto al Coni, ma non c’è stato nulla da fare. Le regole sono cambiate e lo statuto antidoping prevede che non ci sia la grazia in caso di recidiva alla stessa sostanza. Gianni Infantino, presidente della Fifa: solo lui può darmi la grazia. Spero che venga a conoscenza della mia storia e rifletta su questa opportunità“. Da allora dell’ex terzino bianconero nessuna notizia.

LEGGI ANCHE

Html code here! Replace this with any non empty raw html code and that's it.

I più letti