Home » Genitori regalano al figlio una bandiera convinti sia dell’Arsenal, ma è di…Al Qaeda
News

Genitori regalano al figlio una bandiera convinti sia dell’Arsenal, ma è di…Al Qaeda

bandiera dell'arsenal

Volevano sorprendere il figlio, ma qualcosa è andato decisamente storto. Due genitori inglesi volevano fare una sorpresa al loro ragazzo, super tifoso Gunners, regalandogli la bandiera del club ma non hanno azzeccato del tutto il regalo. Bandiera perfetta, stemma perfetto, ma la scritta no. Niente “Arsenal” ma “Al-Qaeda”. Il ragazzo si è ritrovato con una bandiera del movimento islamista sunnita invece che con una della squadra del nord di Londra. A diffondere la notizia è l’utente “Elesh_N” che, su Reddit, ha caricato una foto che un suo amico gli aveva inviato su Snapchat. Si tratta di un’immagine della bandiera appesa al muro di una camera da letto. La didascalia dice: “I miei genitori pensavano di aver regalato a mio fratello una bandiera dell’Arsenal”. La bandiera ha sì lo stemma del club di Londra, ma ha anche la scritta “Al Qaeda”, nome dell’organizzazione terroristica fondata nel 1988.

Genitori regalano al figlio una bandiera convinti sia dell’Arsenal, ma è di Al Qaeda

Quello dei genitori non è naturalmente un gesto intenzionale. Loro erano convinti di aver comprato il regalo perfetto per il loro super tifoso Gunners. L’immagine è diventata presto virale sul web. Si dice che la bandiera sia stata acquistata da Walmart, catena di negozi al dettaglio statunitense. I genitori sembra siano stati ingannati, la bandiera che avevano richiesto, infatti, non è sicuramente quella che alla fine hanno acquistato. Il figlio, nonostante l’errore, ha comunque appeso la bandiera al muro. Ironia della sorte, si ritiene che il fondatore del gruppo estremista, Osama Bin Laden, fosse un sostenitore dell’Arsenal. L’amore per i Gunners, spiega Sportbible, sembra sia nato durante un viaggio di reclutamento nel 1994. Si dice che il leader di Al Qaeda abbia assistito, dal famoso Clock End, alle vittorie dell’Arsenal sul PSG e sul Torino nella Coppa delle Coppe. 

Bin Laden, secondo Bleacher Report, ha persino comprato una maglia dell’Arsenal di Ian Wright per suo figlio. I Gunners, non appena in passato si sono diffuse le notizie sull’amore del fondamentalista per il club, si sono affrettati a smentire qualsiasi associazione. Nel 2001, un portavoce della società ha chiarito che il leader di Al Qaeda non sarebbe più stato il benvenuto nello stadio del club: “Abbiamo visto le notizie sui giornali. Chiaramente non sarà più il benvenuto a Highbury in futuro”.