Home » Manchester United-Haaland, trasferimento fallito a causa del fuso orario
News

Manchester United-Haaland, trasferimento fallito a causa del fuso orario

Manchester United Haaland

Erling Haaland poteva essere un giocatore del Manchester United, ma un piccolo  dettaglio ha fatto fallire l’operazione. È il 2018, l’attaccante gioca ancora nel Molde, sotto la guida di Ole Gunnar Solskjaer, che arriva secondo in campionato proprio grazie ai gol di Erling. Il tecnico norvegese consiglia così quel ragazzo prodigio alla sua vecchia squadra e i Red Devils danno il via alle trattative. Lo United è a un passo dalla firma, manca solo una telefonata, ma tutto fallisce per un disguido. Un funzionario del club inglese avrebbe dovuto contattare Jim Solbakken, l’agente che rappresentava Erling all’epoca. Una chiacchierata che avrebbe aiutato la società di Manchester a chiudere un accordo di circa 3 milioni di sterline. Orario concordato: 9 del mattino. Peccato però che gli inglesi non abbiano considerato il fuso orario. Una differenza di un’ora, che ha fatto saltare tutto. 

Manchester United-Haaland, trasferimento fallito a causa del fuso orario

La storia poi è nota. È il Salisburgo infatti, ad aver chiamato all’ora corretta e a concludere l’affare. A rivelare al Mirror questi dettagli di calciomercato è l’ex portiere del Millwall e scout dell’Everton Bryan King. Anche il club di Liverpool era interessato al giocatore ma, come lo United, ha perso quell’occasione: “È stata semplicemente una mancanza di comunicazione, una situazione strana ma non bisogna incolpare nessuno. Ovviamente guardando indietro anche l’Everton sarà deluso ora”.

Haaland, che ora ha 20 anni, si sta affermando come uno dei migliori attaccanti del calcio mondiale. In 44 partite con il Borussia Dortmund ha messo a segno 43 gol e tutti i big club europei monitorano la sua situazione. Ora però, come spiega sempre King, non basteranno più 3 milioni di sterline ma ne serviranno circa 100: “Per comprarlo adesso costerà a chiunque circa 100 milioni di sterline. Negli ultimi tre anni ha fatto passi da gigante. Il suo potere finale è molto simile a Harry Kane. È un centravanti vecchio stile che ama segnare gol”.