Caos Dinamo Zagabria: l’allenatore Mamic condannato per frode

L’allenatore della Dinamo Zagabria Zoran Mamic si è dimesso dopo essere stato condannato dalla Corte Suprema croata a quattro anni e otto mesi di reclusione per frode. Mamic è stato condannato insieme al fratello Zdravko, ex direttore sportivo del club e vero e proprio deus ex machina del calcio croato, già accusato nel 2015 di evasione fiscale di oltre 12 milioni di euro. Adesso la Dinamo, che affronterà giovedì il Tottenham nel ritorno degli ottavi di finale di Europa League, è nel caos più totale.

L’allenatore della Dinamo Zagabria Zoran Mamic si è dimesso dal suo incarico dopo essere stato condannato a quattro anni e otto mesi di reclusione per frode. Una sentenza che la Corte suprema croata ha confermato. L’addio del tecnico arriva ad appena due giorni dal ritorno degli ottavi di finale di Europa League. Sfida che vedrà la squadra affrontare a Zagabria il Tottenham di Mourinho dopo il successo per 2-0 degli inglesi nella gara di andata. Una sentenza non certo inaspettata, e che riguarda le accuse mosse nei confronti del tecnico e del fratello Zdravko. I due, secondo la giustizia croata, avrebbero evaso il fisco mettendo in piedi un sistema per ottenere commissioni dalla cessione di calciatori.

Dinamo Zagabria, le parole di Mamic dopo la condanna

Le autorità hanno calcolato la bellezza di 15 milioni di euro non dichiarati. Dopo l’arrivo della sentenza, Mamic ha prontamente rassegnato le proprie dimissioni. L’allenatore della Dinamo Zagabria ha spiegato: “Anche se non mi sento colpevole, come ho annunciato in precedenza, se il verdetto è definitivo lo accetto come tale. Pertanto mi dimetto dalla posizione di capo allenatore e direttore sportivo della Gnk Dinamo. Auguro al club tanta fortuna e successo sportivo per il futuro“. Una sentenza che scuote il club e tutto il calcio croato in generale.

LEGGI ANCHE

Html code here! Replace this with any non empty raw html code and that's it.

I più letti