Allan e i figli: “Amano CR7, ma a casa mia la maglia della Juve è vietata”

Cristiano Ronaldo è l’idolo di milioni di bambini in giro per il mondo e, tra questi piccoli fan, ci sono anche i figli di alcuni colleghi calciatori. Come i bambini di Allan, che amano sì il padre, ma preferiscono di gran lunga CR7. Il centrocampista dell’Everton, però, comprende la scelta. Il 30enne non l’ha presa male, anzi, i piccoli hanno moltissime maglie del portoghese. Vige però un divieto assoluto: in casa sua non ci dovrà mai essere una maglia della Juventus. I suoi figli quindi, hanno sì le magliette n.7 di Ronaldo, ma solamente del Real Madrid. 

Allan e i figli: “Amano CR7, ma a casa mia la maglia della Juve è vietata”

Cuore napoletano. Allan ha indossato la maglia del Napoli per 5 anni, dal 2015 al 2020, ed è rimasto molto legato ai partenopei. Il brasiliano ha salutato l’Italia la scorsa estate per unirsi all’Everton di Carlo Ancelotti, ma ha dichiarato di essere ancora un tifoso del club campano. La rivalità con i bianconeri è quindi ancora viva per il centrocampista, motivo per cui, le magliette della Juventus sono vietate in casa sua. A rivelarlo è lo stesso Allan in una recente intervista per Liverpool Echo: “Mio figlio ama il calcio, guarda continuamente le partite e indossa sempre la maglia dell’Everton o quelle delle altre squadre in cui ho giocato. È la mia motivazione più grande, assieme a mia figlia Manuela. Sono entrambi grandi tifosi di Cristiano Ronaldo, quindi lui ha sempre addosso anche una maglia di CR7”. 

Ronaldo sì, ma Juve no: “Non gli è permesso avere una maglia di Ronaldo della Juventus perché i bianconeri sono grandi rivali del Napoli, quindi ci sono molte maglie n.7 in casa, ma del Real Madrid. È normale che amino CR7. I ragazzi sognano sempre di segnare gol e amano i marcatori, mio ​​figlio non fa eccezione”. Liberi di amare il calcio, liberi di amare un calciatore diverso dal padre, ma sui colori non si discute.  

LEGGI ANCHE

Html code here! Replace this with any non empty raw html code and that's it.

I più letti