Juventus, El Pais svela i clamorosi retroscena dietro l’esonero di Sarri

Il quotidiano spagnolo El Pais ha svelato alcuni clamorosi retroscena riguardanti l’esonero di Maurizio Sarri al termine della scorsa stagione da parte della Juventus. In un lungo articolo il giornale iberico ha analizzato la fin qui deludente stagione dei bianconeri paragonandola ad un noto film di Werner Herzog, Fitzcarraldo, in cui l’omonimo protagonista voleva trascinare una nave su per una montagna per farla arrivare ad un affluente del Rio delle Amazzoni. Un’impresa che, come le riprese stesse del film, fu piena di peripezie. Un po’ come l’annata storta del club di Pirlo. Nel lungo paragone tra il film e la stagione juventina, El Pais parla anche dell’esonero dell’ex tecnico di Napoli e Chelsea. Un esonero che, secondo i giornalisti spagnoli, ha delle ragioni ben precise.

La stagione non semplice della Juventus fa molto parlare e non solo in Italia. Dopo la prematura eliminazione in Champions League contro il Porto anche all’estero sono iniziati i processi al club bianconero. Come quello fatto dal noto quotidiano spagnolo El Pais, che in un lungo articolo ha analizzato la situazione della squadra di Pirlo, puntando il dito in primis contro le scelte della dirigenza. Scelte che hanno portato la società di Agnelli a spendere oltre 200 milioni di euro in estate e a scegliere Pirlo come allenatore, secondo il giornale spagnolo, a causa di una sorta di ossessione per la figura di Pep Guardiola e per la bellezza del suo calcio. Sempre stando alla teoria di El Pais infatti, la società bianconera sarebbe tormentata da un’idea di estetica estrema, idea che l’ha portata a licenziare i suoi due ultimi allenatori. E proprio sul licenziamento di Maurizio Sarri il quotidiano spagnolo ha svelato clamorosi retroscena.

Juventus, i motivi dell’esonero di Sarri secondo El Pais

El Pais spiega che l’emozione e l’affetto verso Pirlo hanno scatenato una sorta di cecità nei tifosi e nel club. La società ora si troverebbe infatti davanti a quello che considera un monumento. Pirlo è molto diverso dal suo predecessore Maurizio Sarri, che secondo il quotidiano spagnolo era disprezzato dal club per alcuni motivi specifici. Innanzitutto indossava una tuta in panchina, non proprio in pieno stile Juventus. In secondo e terzo luogo poi, il tecnico toscano fumava e imprecava durante le conferenze stampa. Per questo, nonostante i 10 punti in più rispetto al suo successore, l’ex Napoli e Chelsea è stato silurato. Teoria veritiera o una congettura di pura fantasia?

LEGGI ANCHE

Html code here! Replace this with any non empty raw html code and that's it.

I più letti