Home » Salah: “Con Klopp normale rapporto tra due professionisti. Futuro in Liga? Perché no”
News

Salah: “Con Klopp normale rapporto tra due professionisti. Futuro in Liga? Perché no”

salah rapporto klopp

Mancano pochi giorni alla prima sfida dei quarti di finale di Champions League tra Real Madrid e Liverpool. I due club si erano già incontrati nel 2018, a Kiev, per la finale vinta poi dalle merengues. Una serata da dimenticare per Mohamed Salah. L’egiziano era uno dei giocatori più attesi, ma la sua partita è durata solamente 30 minuti. L’attaccante infatti ha lasciato il campo per un infortunio alla spalla causato da Sergio Ramos. Ora ad attenderlo c’è ancora una volta il Real Madrid e il 28enne, come racconta in una lunga intervista a Marca, ha solo voglia di vincere. Salah, però, non analizza soltanto il prossimo impegno in Champions League, ma anche il suo futuro e il rapporto con Klopp. E le sue parole preoccupano parecchio i tifosi del Liverpool. 

Salah: “Con Klopp normale rapporto tra due professionisti. Futuro in Liga? Perché no”

Uno dei primi obiettivi dell’egiziano, dopo la pausa internazionale, è sicuramente vincere contro il Real Madrid: “La partita di Kiev è finita, quindi non ci penso. Penso alla squadra, tutti pensano alla loro squadra e tutti vogliono vincere, questo è tutto. Ho una voglia speciale di vincere la partita e di classificarci alle semifinali. Quello che succederà ora non cambierà il risultato della finale di Kiev”. Il Liverpool , secondo Salah, non è più quello della finale del 2018, è cambiato, è campione: “Da allora ad oggi abbiamo vinto Premier e Champions League. Noi siamo campioni. Questo sta cambiando molto”. Ma il Real è comunque una squadra da temere: “Giocano molto bene questa competizione, l’hanno vinta, non so, tante volte, negli ultimi 10 anni ne hanno vinte quattro. È una squadra molto brava in Champions”. Non solo Real e Champions League, l’egiziano parla anche di Liverpool e di futuro.

Le sue parole però preoccupano e non poco i tifosi Reds. A partire dalla freddezza con cui descrive il suo rapporto con il tecnico Jurgen Klopp: “È una relazione normale tra due professionisti. È così che posso spiegarlo”. E il futuro? L’obiettivo è uno, continuare a vincere trofei: “In futuro spero di fare la stessa cosa che ho fatto negli ultimi anni: vincere trofei, segnare gol, aiutare la mia squadra a vincere titoli. È la cosa più importante per me”. Dopo quattro anni a Liverpool però non sa se continuerà a farlo nel Merseyside o in un altro luogo, magari in Spagna: “Non dipende da me. Vedremo cosa succederà ma preferisco non parlarne adesso. Spero di poter giocare a calcio per molti, molti anni. La Liga? Perchè no? Nessuno sa cosa succederà in futuro, quindi…Forse un giorno”.