L’epico schema danzante (ed efficace) su punizione dell’Oldham (VIDEO)

Di schemi inusuali e a volte inopportuni sui campi di calcio se ne vedono a bizzeffe. Raramente efficaci, molto più spesso inutili e che si concludono con un epica figuraccia. Ma il sistema messo a punto dall’Oldham su una punizione dal limite dell’area, oltre a rivelarsi vincente, ha alzato notevolmente l’asticella… Fantasia, ritmo, ed un balletto ipnotico. Guardare per credere.

Coccodrilli, doppie barriere, finte e contro finte. Niente di tutto questo. Lo schema perfetto su un calcio di punizione viene dall’Inghilterra, e lo ha trovato l’Oldham, squadra che milita in League Two. Nella sfida casalinga contro il Colchester, sul risultato di 1-0, l’arbitro ha fischiato un fallo al limite dell’area per i padroni di casa. Sul pallone si è presentato Alfie McCalmont, centrocampista in prestito dal Leeds. Il resto poi, è stato pura poesia. Quattro dei suoi compagni di squadra si sono appostati al limite dell’area piccola ed hanno iniziato a saltellare e a mettere in scena una sorta di balletto, bloccando la vista del portiere ospite Dean Gerken e rendendo difficile per lui concentrarsi e organizzare una degna opposizione. Al fischio dell’arbitro il quartetto è poi schizzato verso la barriera del Colchester. Risultato? Palla sul suo palo e goal.

Lo schema perfetto su punizione dell’Oldham

Uno schema che ha coinvolto ben cinque giocatori dunque. Simile a quello utilizzato dall’Atalanta con Muriel negli ottavi di finale di Champions League contro il Real Madrid, rivelatosi anch’esso vincente. Ma in quell’occasione per creare il diversivo tre bergamaschi erano corsi dal punto di battuta della punizione verso la barriera. Parlando dopo la partita, l’allenatore dell’Oldham Curle ha rifiutato di prendersi il merito per il bizzarro schema, rivelando che l’invenzione era del suo assistente Paul Butler: “Vorrei prendermi tutto il merito ma non posso. È di Paul Butler. Io ero a dir poco scettico in realtà, ma lui lo aveva fatto quando era al Leeds e ha detto che funzionava…“.

Ecco il VIDEO del fantastico schema dell’Oldham:

LEGGI ANCHE

Html code here! Replace this with any non empty raw html code and that's it.

I più letti