Il poker nel futuro di Neymar: “Quando smetterò di giocare farò il professionista”

Una volta attaccati gli scarpini al chiodo, la grande maggioranza dei giocatori professionisti rimane in qualche modo coinvolto nel mondo del calcio. Chi come allenatore, chi come direttore sportivo o dirigente, chi come semplice opinionista o telecronista per qualche emittente tv. Non sarà questa la strada che prenderà l’asso del Paris Saint Germain Neymar, che in un’intervista rilasciata ai francesi di CNews, ha confessato che una volta avrà smesso di giocare si darà al poker come professionista. Del resto il brasiliano non ha mai nascosto la sua passione per il tavolo verde…

Niente futuro nel mondo del calcio per il brasiliano del Paris Saint Germain Neymar. Fresco di qualificazione (con tanto di festeggiamenti) alle semifinali di Champions League con i parigini, l’attaccante ha rilasciato una lunga intervista ai francesi di CNews, in cui ha parlato a lungo della sua grande passione, il poker. Passione che O’Ney vorrebbe far diventare il suo futuro dopo il calcio: “Professionista di poker a fine carriera? È vero è vero. È una delle cose che amo di più. Mi sento molto a mio agio e penso che dopo aver smesso col calcio potrò viaggiare per giocare tornei ai quali non ho potuto partecipare a causa della mia agenda e della mia carriera. Quindi, quando avrò finito di giocare a calcio, questa è una delle cose che farò, viaggiare per giocare questi tornei di poker“.

Neymar e la passione per il poker

Ho iniziato a giocare a poker ai Mondiali del 2014“, ha detto Neymar al canale francese. “Durante la competizione giocavano molti giocatori e ho finito per imparare a giocare con loro. Ho guardato dall’esterno e poi mi sono interessato al gioco. E mi sono innamorato del poker nel corso degli anni“. Poi, sul suo modo di giocare: “Sono offensivo come in campo. Giocavo in questo modo e poi ho ricevuto qualche consiglio da alcuni amici. Nel tempo ho imparato ad essere un giocatore sempre più aggressivo“. Infine, una sua debolezza, la curiosità: “Uno dei miei punti deboli è che sono molto curioso e gioco molte mani. Devo imparare a controllarmi di più“. O’Ney riuscirà a portare il suo talento anche sul tavolo verde? Per ora continuerà a deliziare i tifosi in campo.

LEGGI ANCHE

Html code here! Replace this with any non empty raw html code and that's it.

I più letti