Home » Feyenoord, il giovane De Mooij lascia il club per diventare medico
News

Feyenoord, il giovane De Mooij lascia il club per diventare medico

De Mooij lascia Feyenoord

Il giovane centrocampista Splinter de Mooij lascia il Feyenoord per inseguire il suo secondo sogno, diventare un medico. Il classe 2001 entra nel settore giovanile del club olandese nel 2013, quando, all’età di soli 12 anni viene prelevato dalle giovanili dell’HVV Den Haag. Splinter firma poi un contratto triennale nel 2018. Il 19enne nasce trequartista, ma può ricoprire tutti i ruoli del centrocampo all’occorrenza. Una giovane promessa, che ha già collezionato due presenze con la prima squadra e che ha già stupito con le sue prestazioni. De Mooij ha realizzato un sogno, ma ora è pronto per una nuova esperienza. Il suo contratto, in scadenza, non verrà rinnovato. Il centrocampista si deve dedicare al suo secondo sogno. 

Feyenoord, il giovane De Mooij lascia il club per diventare medico

Splinter lascia il mondo del pallone per la medicina. Il ragazzo ha sempre amato il calcio, ma ha sempre amato anche la scienza. La giovane promessa del calcio olandese infatti ha sempre sognato di diventare un calciatore, ma ha sempre sognato anche di poter diventare un medico. E per inseguire questo suo secondo desiderio, ha deciso di lasciare il calcio a soli 19 anni. Tre anni fa dunque De Mooij realizzava uno dei suoi sogni, firmare un contratto da calciatore professionista, ma ora decide di abbandonare il mondo del calcio per concentrarsi a pieno sulla sua formazione in medicina e sulla sua carriera da medico. Non riuscirebbe infatti a dedicarsi alle due carriere contemporaneamente. Splinter ha deciso quindi di lasciare il Feyenoord a fine stagione.

Ad annunciarlo è lui stesso, tramite un messaggio pubblicato sul suo profilo Instagram: “Quando sono stato scoperto dal Feyenoord nel 2013 e, successivamente, ho firmato il mio primo contratto, il mio sogno di diventare un calciatore professionista si è avverato. Dopo sette grandi anni al Feyenoord, oggi ho informato la società che avrei lasciato il club per realizzare il mio secondo sogno, ovvero diventare un medico. Inizierò i miei studi di medicina nel settembre di quest’anno”. Solo 4 gare di Eredivisie, poi Splinter passerà dal pallone ai libri.