Follia a Trigoria: il padre di Scamacca irrompe con una spranga. Il calciatore spiega: “Con mio padre storia dolorosa…”

Un lunedì di ordinaria follia a Trigoria, quartier generale della Roma. Nel tardo pomeriggio Emiliano Scamacca, padre dell’attaccante del Genoa Gianluca, ha fatto irruzione nel centro sportivo armato di spranga, minacciando le guardie giurate, danneggiando l’ingresso ed alcune macchine parcheggiate al “Fulvio Bernardini”. La Polizia ha fermato e denunciato l’uomo.

Momenti di paura e tensione lunedì sera al centro sportivo “Fulvio Bernardini” di Trigoria, quartier generale dell’As Roma. Intorno alle 19:30 Emiliano Scamacca, padre del centravanti del Genoa Gianluca, si è introdotto nel sito armato di spranga danneggiandone l’ingresso e minacciando gli addetti alla vigilanza. Secondo le prime ricostruzioni di alcuni presenti sul posto, Scamacca senior si è accanito prima sul cancello della struttura, poi sulle finestre del gabbiotto delle guardie giurate, sui monitor delle telecamere di sicurezza e poi su alcuni lampioni. Successivamente si è diretto nel parcheggio, dove ha danneggiato alcune macchine parcheggiate, tra cui quelle di alcuni dirigenti (sembra quelle di Tiago Pinto, Lombardi e De Sanctis).

Il padre di Scamacca irrompe a Trigoria

Al momento dell’irruzione del padre di Scamacca, 45 anni, nel centro sportivo di Trigoria si stavano allenando i ragazzi del settore giovanile, prontamente messi al riparo da qualsiasi pericolo dagli addetti alla sicurezza della Roma. L’intervento della Polizia, rapidamente giunta sul posto, ha posto fine a quei lunghi momenti di paura. Gli agenti hanno immobilizzato il 45enne e lo hanno condotto al commissariato di Roma Spinaceto. L’uomo ha ricevuto denunce per danneggiamento aggravato ed invasione di edificio. Choc in tutto l’ambiente giallorosso. Scamacca, di proprietà del Sassuolo ma in prestito al Genoa, è cresciuto calcisticamente proprio nella Roma, prima di trasferirsi giovanissimo al Psv Eindhoven nel 2016. Al momento non si conoscono le ragioni del suo gesto.

Raggiunto dalla Gazzetta dello Sport, Scamacca ha spiegato: “Sono rimasto molto scosso da tutto ciò che è successo e ho letto. Davvero non so spiegarmelo. È doloroso per me parlarne, ma forse è necessario. Mio padre da molto tempo non vive con mia madre, non sono divorziati solo perché non si sono mai sposati, io sono cresciuto con mia madre e mia sorella. Sono loro la mia famiglia”. Poi prosegue: “Abbiamo rapporti solo saltuari. Lo vedo pochissimo. Ma è una storia familiare che preferisco tenere per me. Chiedo rispetto della mia privacy. Mio padre non ha mai avuto a che fare con la gestione della mia carriera, tantomeno negli ultimi anni. Sono molto dispiaciuto e scosso per l’accaduto, ma ho rapporti talmente saltuari con mio padre, da non sapere cosa altro dire”.

LEGGI ANCHE

Html code here! Replace this with any non empty raw html code and that's it.

I più letti