Materazzi “accoglie” Inzaghi all’Inter: “Ci deve uno Scudetto…”

La questione allenatore dell’Inter è stato l’argomento principale di questi ultimi infuocati giorni. Dall’improvviso addio di Conte all’ancor più inaspettato arrivo di Inzaghi sulla panchina nerazzurra dopo che il tecnico piacentino aveva praticamente trovato l’accordo con Lotito per rimanere ancora legato alla Lazio. Il tutto nel giro di 48 ore. Il tema è stato e sarà ancora dibattuto a lungo. Intanto arrivano i primi messaggi di “benvenuto” al neo allenatore nerazzurro, tra cui quello di Marco Materazzi, che nel corso di una diretta Instagram ha punzecchiato l’ex avversario.

Nel corso di una lunga diretta Instagram con il Corriere della Sera in cui ha presentato il suo libro Ti racconto i campioni dell’Inter“, Marco Materazzi non poteva non dare la sua opinione sull’argomento che ha tenuto banco in questi ultimi giorni: la questione allenatore della sua squadra del cuore, l’Inter appunto. L’ex difensore nerazzurro ha dapprima elogiato Antonio Conte nonostante il suo repentino addio: “Conte ha riportato l’Inter dove merita e per questo va ringraziato. Mi ha colpito quando ha detto che ha capito cosa vuol dire vincere all’Inter. E’ una grandissima soddisfazione. Penso che sia entrato nel cuore degli interisti, e non solo perché ha vinto. Ha costruito un gruppo granitico. A Pasqua eravamo già quasi campioni d’Italia. Abbiamo vinto meritatamente“. Poi, con la sua solita franchezza, ha dato il “benvenuto” al nuovo arrivato Simone Inzaghi.

Il benvenuto all’Inter di Materazzi ad Inzaghi

A Materazzi è stato chiesto di commentare l’improvviso arrivo di Simone Inzaghi sulla panchina dell’Inter. L’ex difensore ha esordito con una sorta di provocazione: “Intanto, Simone ci deve riportare lo Scudetto del 5 Maggio“, ha detto riferendosi alla famosa sconfitta patita dall’Inter all’Olimpico che costò ai nerazzurri la vittoria della Serie A. Poi ha aggiunto: “Lui ha fatto molto bene, ma lo ha fatto da profeta in patria dopo 22 anni di Lazio e dunque è quasi passato in secondo piano. Ha ottenuto risultati incredibili. Attualmente è fra gli allenatori giovani più preparati. Ora deve fare il salto“. Arrivata la benedizione di Matrix, adesso sta a Inzaghi dimostrare il suo valore.

LEGGI ANCHE

Html code here! Replace this with any non empty raw html code and that's it.

I più letti