Milan, Pioli: “Rigori? Ne meritavamo di più. Donnarumma professionista esemplare”

La stagione di Serie A si è appena conclusa, ma Stefano Pioli è già concentrato sul futuro. Il tecnico rossonero, in una lunga intervista esclusiva a Repubblica, ha dichiarato di pensare solamente a come migliorare il Milan, ma non solo. Il 55enne ha parlato anche di Champions, di rigori, dei suoi ragazzi e di Donnarumma. Si parte, inevitabilmente, dal ritorno dei rossoneri nella massima competizione europea. Dopo ben 7 anni, infatti, il Milan torna in Champions League, ma sarà inserito in quarta fascia: La bella addormentata si risveglierà nella sua casa. In mezzo ai più grandi club. Prima dell’Atalanta ho chiesto ai ragazzi: volete ancora giocare col Rio Ave o è ora di Manchester City, PSG, Bayern? Un po’ strano che i vicecampioni d’Italia siano messi in quarta fascia. Ma vogliamo crescere. Affrontare le più forti aiuta, dovrà essere l’anno della nostra conferma”. 

Milan, Pioli: “Rigori? Ne meritavamo di più. Donnarumma professionista esemplare”

Pioli ha le idee ben chiare sul futuro, ma mette a tacere anche le accuse rivolte al club per i 20 rigori a favore nell’ultima stagione: Non mi toccano: ne avremmo meritati di più. Il V.A.R. torni alle origini: intervento in caso di errore evidente dell’arbitro. E poi basta fidarsi del fermo immagine. Sullo slancio, un contatto in foto lo vedi sempre, ma il calcio non è mica statico. Mi permetto anche un consiglio al designatore Nicola Rizzoli, che stimo: coppie fisse arbitro-V.A.R., che si alternino nei due ruoli per affinare uno stesso modo di arbitrare. Oggi cambiano di continuo: spesso si nota scarsa simbiosi”. 

Il tecnico del Milan ha parlato anche di Gigio Donnarumma. L’estremo difensore, dopo un lungo tira e molla per il rinnovo, è ormai vicino all’addio dai rossoneri: Professionista esemplare, concentrato sul campo. Poi una trattativa può funzionare oppure no. Ci siamo sentiti e ringraziati a vicenda, è un rapporto sincero. Gli ho fatto gli auguri per l’Europeo”. Via Donnarumma, dentro Maignan, nuovo portiere del Milan. Il calciomercato inizia a scaldare i motori e Pioli è molto fiducioso: “La creatività i miei dirigenti l’hanno già dimostrata. A parte Ibrahimovic, sul quale avevo ovviamente espresso parere positivo, penso a Kjaer e Saelemaekers, a Fikayo Tomori. Qualunque sarà il budget, il nome Milan continua a essere un richiamo. L’importante è avere costruito una base di 10-12 giocatori da squadra di vertice”. L’obiettivo, secondo il tecnico, è ora quello di fare un passo per volta, ma soprattutto di non perdere determinazione ed entusiasmo.

LEGGI ANCHE

Html code here! Replace this with any non empty raw html code and that's it.

I più letti