Cuore Gundogan: dona premio Champions al suo primo club

La finale di Champions League non è andata proprio come tutti i tifosi del Manchester City si auguravano, ma nonostante la sconfitta i giocatori hanno lo stesso ricevuto un bonus per il raggiungimento dell’atto conclusivo della maggior competizione europea. Un bonus di circa 300mila euro per ogni componente della rosa, magra consolazione per un traguardo solo sfiorato. C’è chi ha pensato di utilizzare quei soldi per fare del bene alla comunità che l’ha cresciuto. È il caso del centrocampista Ilkay Gundogan, che ha donato l’intero premio Champions al club della sua infanzia.

I calciatori professionisti, soprattutto quelli che militano nelle big del calcio europeo, non hanno certamente problemi economici. Tra di loro comunque c’è chi si contraddistingue per avere sempre un occhio di riguardo per la beneficenza e per le buone cause. Ilkay Gundogan è uno di loro. Il centrocampista del Manchester City ha infatti deciso di donare l’intero premio ricevuto dal proprio club in qualità di finalista di Champions League alla squadra che lo ha visto crescere in Germania, l’Hessler 06. Secondo quanto riportano i media tedeschi la donazione ammonta a circa 300mila euro.

Gundogan dona il premio Champions al club della sua infanzia

I 300mila euro che Gundogan ha deciso di regalare al club della sua infanzia saranno destinati a finanziare un progetto per la costruzione di un nuovo campo da calcio. All’Hessler 06 servono circa 650mila euro per la realizzazione del nuovo campo nella sua completezza, quindi il centrocampista dei Citizens finanzierà quasi la metà del progetto. Il resto lo metteranno le autorità locali di Gelsenkirchen. Vedere un giocatore che fa beneficenza non è così inusuale, ma Gundogan che dona l’intero premio Champions per ringraziare chi l’ha cresciuto calcisticamente è una di quelle cose che fa bene al mondo del pallone. Magari la prossima stagione la donazione sarà doppia…

LEGGI ANCHE

Html code here! Replace this with any non empty raw html code and that's it.

I più letti