EURO 2020 Guai per Arnautovic: rischio squalifica per esultanza con frase razzista?

Guai per Arnautovic, attaccante austriaco autore del terzo goal per la sua nazionale nella vittoria 3-1 contro la Macedonia del Nord. Durante la rabbiosa esultanza dopo la rete infatti, l’ex Inter e West Ham avrebbe urlato una frase di stampo razzista all’indirizzo di un suo avversario. Frase che, inutile dirlo, è stata catturata dall’occhio vigile delle telecamere. Adesso la Uefa ha aperto un’inchiesta ed Arnautovic rischia di essere escluso da Euro 2020.

Un’esultanza cattiva, di rabbia, forse troppa rabbia. Marko Arnautovic, attaccante dell’Austria visto in Italia con la maglia dell’Inter, è andato a segno nella vittoria della sua nazionale nella gara d’esordio contro la Macedonia del Nord. Ma ciò che è successo dopo la rete ha sollevato un polverone. Il centravanti avrebbe infatti urlato una frase contro un avversario, nella fattispecie il giocatore del Leeds Ezgjan Alioski. “Mi sto f******* tua madre albanese“, avrebbe urlato Arnautovic, di origine serba, mentre i compagni, su tutti Alaba, erano intenti a tappargli la bocca. Una frase a sfondo razzista, che ovviamente gli avversari non hanno gradito. E nemmeno la Uefa.

Guai per Arnautovic, il giocatore si scusa

L’attaccante ha subito capito di aver esagerato, tanto che al termine della partita si era avvicinato allo stesso Alioski e a Pandev cercando di chiarire la vicenda. Su Instagram poi, il post di scuse: “Ci sono state alcune parole eccessive a causa delle emozioni della partita di ieri e vorrei scusarmi per questo. Soprattutto con i miei amici della Macedonia del Nord e dell’Albania. Vorrei dire una cosa molto chiaramente. Non sono razzista. Ho amici in quasi tutti i paesi e sostengo la diversità. Tutti quelli che mi conoscono lo sanno“. Le scuse però a quanto pare potrebbero non bastare.

Rischio squalifica

Martedì la UEFA ha confermato di aver aperto un’inchiesta sulla frase dell’attaccante austriaco, dopo che la Federcalcio macedone lo ha accusato di aver offeso i propri giocatori. “La FFM condanna fermamente lo sfogo nazionalista del giocatore austriaco Marko Arnautovic dopo un goal segnato nella partita di ieri, indirizzato a Ezgjan Alioski. Allo stesso tempo, vi informiamo che abbiamo inviato una lettera ufficiale all’Uefa chiedendo la punizione più dura per Arnautovic“. Questo il comunicato ufficiale della fedrazione della Macedonia edl Nord.

I guai per Arnautovic potrebbero dunque essere solo iniziati: la Uefa ha comunicato di aver nominato un ispettore etico e disciplinare per indagare sull’episodio. L’attaccante rischia una squalifica, soprattutto guardando ai precedenti (il caso Ondrej Kudela, reo di comportamento razzista nei confronti di Kamara dei Rangers insegna). Per lui Euro 2020 potrebbe essere già finito…

LEGGI ANCHE

Html code here! Replace this with any non empty raw html code and that's it.

I più letti