Higuain alla Bobo Tv: “In Mls grazie anche a Buffon. Vi spiego esonero di Sarri”

Gonzalo Higuain, all’Inter Miami da quasi un anno, si racconta in esclusiva alla Bobo Tv su Twitch, in compagnia di Christian Vieri, Daniele Adani, Antonio Cassano e Nicola Ventola. Tanti gli argomenti trattati, dal suo passato in Italia ai motivi che l’hanno spinto a lasciare l’Europa, fino al rapporto con un suo grande maestro, Maurizio Sarri. 

Higuain alla Bobo Tv: “In Mls grazie anche a Buffon”

Si parte da Miami. Siamo a metà settembre 2020, la punta argentina, dopo la rescissione del contratto con la Juventus, firma un nuovo contratto oltreoceano e diventa ufficialmente un calciatore dell’Inter Miami di David Beckham.

El Pipita, dopo 13 anni lascia il Vecchio Continente e approda negli Stati Uniti, dove ritrova la serenità: “A Miami mi sento a meraviglia, qui ho trovato la serenità anche  fuori dal calcio e sto benissimo, sono felice.  In Europa non riuscivo a  trovare la serenità fuori dal campo, oltre il calcio. Non riuscivo a dare più niente.  Buffon mi ha detto che quando non avrei più sentito il fuoco dentro sarebbe stato il momento di cambiare. Così ho cambiato e sono venuto a cercare la gioia, il divertimento in una città che ho scoperto essere meravigliosa”.

Nuovo continente, nuovo campionato, ma non meno difficile. Higuain alla Bobo Tv confessa che si è dovuto ricredere sulla Mls: “Pensavo di giocarci con la sigaretta e invece si fa fatica perché è un campionato duro. Ho imparato che è simile al calcio italiano. In Spagna e Inghilterra è più facile fare bene, mentre in Italia se non conosci il campionato soffri. Qui è la stessa cosa. Il calcio è cambiato. Quando giocavo a Madrid ero una punta centrale mentre con Sarri ho imparato ad aiutare la squadra. Quando poi sono arrivato alla Juve quasi finisco a fare il centrocampista centrale”. 

Higuain alla Bobo Tv: “Vi spiego esonero di Sarri”

Non può mancare una domanda su un suo grande maestro, Maurizio Sarri. Uno dei migliori tecnici con cui El Pipita abbia mai lavorato: “Il primo anno ho sofferto il calcio italiano, il secondo anno ho fatto un po’ meglio. Al terzo anno, con Maurizio Sarri, avevamo un modo di giocare a memoria. Prima di lui ero incerto sul continuare, Maurizio mi ha chiamato nel suo ufficio e in 5 minuti mi ha convinto. Con lui poi ho fatto 36 gol, con soli tre rigori. È stato un grande maestro, è stato uno dei migliori allenatori che ho avuto”.

I due si scoprono a Napoli e si rincontrano poi al Chelsea e alla Juventus. Lasciano entrambi il club bianconero a fine stagione 2019-20, il giocatore rescinde il contratto mentre Sarri viene esonerato. Un addio, quello del tecnico, che Higuain prova a spiegare: “In Serie A ci sono meno spazi, ma se vuoi lo trovi. Devi avere la qualità per farlo e per segnare.  Penso non sia riuscito a trasmettere la sua idea di gioco ai calciatori. Sarri voleva giocare sempre a due tocchi anche se era rischioso. Alcuni giocatori non erano contenti di giocare in questo modo”. 

LEGGI ANCHE

Html code here! Replace this with any non empty raw html code and that's it.

I più letti