Calhanoglu prime parole interiste con frecciatina al Milan: “Qui per vincere qualcosa”

Hakan Calhanoglu, con una mossa a sorpresa, nei giorni scorsi ha firmato per l’Inter, lasciando l’amaro in bocca nei tifosi del Milan che avevano iniziato ad apprezzarlo e ad elogiarlo nella scorsa stagione. Un vero e proprio tradimento che ha indispettito i supporters del diavolo. Il turco si è subito fatto immortalare nella sala trofei dell’Inter (come aveva fatto quando approdò al Milan) e ha rilasciato le prime parole da giocatore nerazzurro.

Calhanoglu frecciatina al Milan?

Sembrano passati secoli da quando Calhanoglu baciava lo stemma del Milan sulla maglia dopo un gol. Il turco ha scelto di andare via a parametro 0 e si è subito immerso nella nuova realtà. Dopo la foto nella sala trofei dell’Inter, ha rilasciato alcune dichiarazioni: “Essere qui è bellissimo. L’Inter è una grande squadra, un grande club con una bella atmosfera e grandi tifosi. Sono molto contento di essere qui. Prima di iniziare dovrò aspettare una ventina di giorni (domani inizierà le vacanze, ndr), ma le sensazioni sono veramente belle. Vogliamo vincere nuovamente lo scudetto, poi si vedrà…”.

Poi il turco racconta il suo excursus milanese: “Sono arrivato all’Inter nel momento migliore. Il primo anno in Italia è stato molto difficile: non parlavo la lingua, poi tutto è migliorato pian piano. Ora ho tanti amici e colleghi non solo in campo, ma anche fuori. Con Pioli ho giocato bene, perché venivo impiegato nel mio ruolo, quello che mi piace davvero. E con l’Inter cercherò di fare lo stesso”. Su Simone Inzaghi: “Abbiamo già parlato, conosco il suo sistema di gioco: è un 3-5-2 che può diventare un 3-4-1-2 a seconda delle situazioni. I concetti del mister mi sono piaciuti, pure io voglio vincere qualcosa in Italia“. Parole che non hanno fatto piacere ai tifosi rossoneri che hanno preso d’assalto i suoi canali social utilizzando epiteti poco carini (per usare un eufemismo).

LEGGI ANCHE

Html code here! Replace this with any non empty raw html code and that's it.

I più letti