Guai in Spagna per Ancelotti, chiesto il sequestro dello stipendio al Real

Guai in Spagna per Ancelotti. L’Agenzia delle Entrate chiede al Real Madrid di sequestrare lo stipendio del suo nuovo allenatore per saldare un debito di 1.420.120,51 euro, maturato dal tecnico nei confronti del fisco negli anni 2013 e 2015, quando allenò per la prima volta le merengues. Parallelamente, il Tribunale di istruzione 35 di Madrid lo ha recentemente incriminato per reato fiscale e dovrà testimoniare il 23 luglio.

L’erario ha inviato al club un’ordinanza con la quale chiede che tutto il reddito percepito dal nuovo allenatore sia messo a disposizione delle finanze dello stato per liquidare, da un lato, un’imposta debito di 1.396.875.33 euro e, dall’altro, 23.245,18 euro per interessi di mora. A diramare la notizia è El Mundo, che ha avuto accesso esclusivo all’ordinanza. 

Guai in Spagna per Ancelotti, chiesto il sequestro dello stipendio al Real

La delegazione speciale delle finanze di Madrid ha inviato questa comunicazione al club in tempo record, appena 48 ore dopo aver appreso dell’ingaggio di Ancelotti per sostituire Zinedine Zidane. Allo stesso tempo, ha inviato una copia a casa del tecnico italiano a Madrid.

Una comunicazione che deriva dal procedimento giudiziario aperto in Spagna , nei confronti del tecnico, dopo che la Procura lo ha denunciato per la commissione di due presunti reati fiscali. L’Agenzia delle Entrate sostiene che, nonostante l’allenatore abbia risieduto in Spagna tra il 2013 e il 2015, non abbia dichiarato correttamente i suoi guadagni derivanti sia dal Real Madrid, sia dei suoi diritti di immagine. Il Pubblico Ministero sostiene inoltre che Ancelotti abbia agito “con l’intenzione di eludere ingiustificatamente i suoi obblighi verso l’erario pubblico”.

Il tecnico emiliano avrebbe incanalato tutte le sue entrate attraverso una società inglese che aveva fondato ai tempi del Chelsea. In questo modo avrebbe pagato il 10% di tasse rispetto al 45% previsto dalla normativa fiscale spagnola. 

Da qui i guai in Spagna per Ancelotti, che si aggiunge alla lunga lista di stelle ad avere problemi con il fisco spagnolo. Prima di lui ci sono già passati alcuni giocatori come Cristiano Ronaldo, Marcelo o Diego Costa. Ora l’allenatore dovrà decidere se trovare un accordo con l’erario pagando il debito d’imposta e la relativa sanzione o se, al contrario, opporsi e affrontare un processo per reato tributario con il rischio della reclusione.

LEGGI ANCHE

Html code here! Replace this with any non empty raw html code and that's it.

I più letti