Francia tutti contro tutti, voli separati dopo l’eliminazione dagli Europei

Francia tutti contro tutti. Dopo le polemiche in campo e le liti in tribuna, emergono nuove notizie sulla nazionale francese. Clima teso, anzi tesissimo, in casa Bleus tanto che per il rientro dopo l’eliminazione dagli Europei, i giocatori hanno scelto voli separati. 

Ma andiamo con ordine. Le incomprensioni nascono già prima dell’Europeo con l’episodio Giroud-Mbappé. Dopo l’amichevole vinta contro la Bulgaria per 3-0, il giocatore del Chelsea, autore di una doppietta, ha accusato la stella del PSG di non passargli abbastanza palloni. Il tutto, in diretta, nella conferenza stampa post match. Deschamps aveva provato a calmare gli animi, ma senza successo. A Kylian, che voleva organizzare una conferenza stampa, è stato vietato di replicare, ma alla prima occasione si è rifatto: “Avrei preferito me lo dicesse in faccia”. 

Allontanate le nubi della crisi Giroud-Mbappé sembrava essere tornato il sereno nel ritiro dei cugini d’oltralpe. Ma la tempesta non si è fatta attendere e si è scatenata nella gara degli ottavi persi con la Svizzera. Due i campi di battaglia, uno il terreno da gioco, l’altro sugli spalti. In campo, Deschamps ha perso le staffe per ben due volte: con Coman, che ha rifiutato in modo molto plateale la sostituzione, nonostante l’infortunio e poi con Pogba a fine dei tempi regolamentari con cui ha discusso animatamente di tattica. 

Sugli spalti non andava sicuramente meglio. Mamma Rabiot infatti attacca i familiari di Pogba e Mbappé. Prima ha puntato il dito contro il clan del giocatore del Manchester United, a causa dell’errore che ha portato al pareggio elvetico. Poi ha attaccato anche i genitori di Mbappé, che ha sbagliato in varie occasioni ma soprattutto il rigore decisivo. Mamma Veronique ha invitato i signori Mbappé a educare meglio il figlio, considerato troppo arrogante.

Francia tutti contro tutti, voli separati dopo l’eliminazione dagli Europei

Ma non è finita qui. Il clima in casa Francia si è fatto sempre più incandescente. I giocatori, secondo The Athletic, avevano già avuto problemi con la Federazione francese perché questa che non ha voluto sentire altre proposte rispetto all’Hotel Marriott di Bucarest. Da qui sarebbe quindi nata una discussione tra alcuni giocatori e dei delegati della nazionale. Ma c’è dell’altro. Dopo la sconfitta e il discorso di Deschamps in hotel, tre giocatori decidono di non rientrare in Francia con la squadra e ottengono l’autorizzazione per separarsi dal gruppo

I Bleus sono atterrati martedì al Le Bourget di Saint Denis, senza Griezmann, Varane e Lenglet. I tre sono rimasti in Romania e da lì andranno direttamente in vacanza. Un gesto che non è piaciuto ad alcuni componenti della squadra ma soprattutto ai tifosi francesi. In Francia tutti contro tutti.

LEGGI ANCHE

Html code here! Replace this with any non empty raw html code and that's it.

I più letti