Zaniolo a sorpresa: “Chi mi ha aiutato di più? Ancelotti. Ecco cosa mi disse quando mi infortunai”

Nicolò Zaniolo si è raccontato in una lunga intervista alla Gazzetta dello Sport, dove ha ringraziato a sorpresa Carlo Ancelotti, spiegando che l’ha incoraggiato nel periodo più buio della sua carriera. L’attaccante si anche detto carico per la prossima stagione e per essere allenato da Mourinho.

Zaniolo ringrazia Ancelotti

“Sto benissimo e non vedo l’ora di tornare a giocare”, queste le prime parole di Zaniolo alla rosea.Siamo tutti gasati per la nuova stagione, perché non vediamo l’ora di dimostrare a Mourinho quanto valiamo. È un grande allenatore e ha vinto tanto. Per me è un onore essere allenato da lui, perciò non vedo l’ora di cominciare”. Poi parte l’elenco dei ringraziamenti: “Cosa mi ha aiutato a superare l’infortunio? L’affetto infinito della mia famiglia, la cura che ha avuto per me la Roma e la vicinanza dello staff del mio agente (Claudio Vigorelli, ndr), la bravura di chi mi ha rimesso in piedi, e non parlo solo del professor Christian Fink, il chirurgo che mi ha operato al ginocchio, ma di tutti quelli che hanno lavorato per me e con me”.

Zaniolo ringrazia in particolar modo tre persone tra cui Ancelotti: “Mi hanno fatto molto piacere i messaggi ricevuti da altri giocatori come Modric, uno di quelli che stimo di più in assoluto, oppure Depay. Sono cose che mi hanno commosso, così come l’affetto di tanti miei colleghi e, come posso dire, addetti ai lavori. Penso a Carlo Ancelotti, che nelle settimane più difficili ha provato a consolarmi, spiegandomi i grandi passi in avanti fatti dalla medicina rispetto ai suoi tempi. E se ce l’aveva fatta lui, potevo riuscirci anche io“.

Sulla Nazionale a Euro 2020: Tutti temono l’Italia. Merito di Mancini che ha creato un gruppo unito”. Chiosa finale sul suo passato da bad boy: Mi sono calmato. Devo ancora migliorare, ma si diventa uomini anche sbagliando“.

LEGGI ANCHE

Html code here! Replace this with any non empty raw html code and that's it.

I più letti