Altro che i soliti comunicati: il presidente dell’Olhanense distrugge (verbalmente) Davids

“La Società XXX comunica di aver rimosso dall’incarico l’allenatore XXX. Lo ringraziamo per l’impegno profuso e gli auguriamo ogni bene”, il 99% dei comunicati dei club quando esonerano un allenatore, recita queste parole. Nell’altro 1% c’è Luís Torres, presidente dell’Olhanense, squadra che milita nella terza divisione portoghese, che ha attaccato duramente il suo ex allenatore Edgar Davis.

Presidente Olhanense attacca Davids

Edgar Davis a fine anni ’90, inizio anni 2000, era considerato un tuttocampista. Un giocatore che univa alla cattiveria del medianaccio vecchio stampa, una tecnica e una proprietà di palleggio da trequartista. Davids fece le fortune della Juventus e della nazionale olandese in quegli anni. La sua carriera da allenatore, però, ha preso una piega decisamente diversa. A gennaio è stato ingaggiato dai portoghesi dell’Olhanense e già alla prima partita si è visto coinvolto in una rissa con i giocatori avversari finendo per essere espulso dall’arbitro.

Dopo 6 mesi all’Olhanense, in cui ha racimolato 8 vittorie in 19 partite, non riuscendo a raggiungere la promozione in seconda divisione, il pitbull è stato esonerato. Il presidente Luìs Torres, lo ha comunicato con toni piuttosto polemici: “La decisione di assumer Edgar Davids mi è stata quasi imposta dal vostro direttore sportivo. Il suo arrivo avrebbe dovuto portare miglioramenti finanziari per il club, ma non ne vedo prova. Da un punto di vista sportivo, poi, il suo incarico è stato un disastro. Siamo onesti: il nostro allenatore non è stato in grado di forgiare un legame con la squadra o di portare la squadra a imparare un preciso stile di gioco. Davids è una persona con una ricchissima storia come giocatore, ma non ha nulla a che vedere con le sue qualità da allenatore“.

LEGGI ANCHE

Html code here! Replace this with any non empty raw html code and that's it.

I più letti