Giocatori dell’Everton stanchi di pettegolezzi e insinuazioni: “Dite chi è il pedofilo”

I giocatori dell’Everton sono stanchi di pettegolezzi e insinuazioni e vogliono che venga fatto pubblicamente il nome del compagno di squadra arrestato per sospetti reati sessuali su minori. La Greater Manchester Police, nei giorni scorsi, ha confermato che un individuo era stato arrestato: “Gli agenti hanno arrestato un uomo venerdì 16 luglio 2021 con l’accusa di reati sessuali su minori. È stato rilasciato su cauzione della polizia in attesa di ulteriori indagini”. I media inglesi avevano poi fatto sapere che si trattava di un giocatore della Premier League di cui non si conosceva né il nome né il club.

Giocatori dell’Everton stanchi di pettegolezzi e insinuazioni: “Dite chi è il pedofilo”

L’Everton però, successivamente, ha confermato di aver sospeso un atleta: “Possiamo confermare di aver sospeso un giocatore in attesa di un’indagine della polizia. Il club continuerà a supportare le autorità con le loro indagini e non rilascerà ulteriori dichiarazioni in questo momento”. Il giocatore non può essere nominato per motivi legali ma nega strenuamente le accuse.

La notizia ha fatto inevitabilmente il giro del mondo e, nonostante l’indagato non abbia ancora un nome, in Islanda sono sicuri si tratti di Gylfi Sigurdsson. Ma alcuni giocatori dell’Everton, stanchi di pettegolezzi e insinuazioni, avrebbero chiesto di rivelare l’identità del compagno di squadra. Le stelle di Goodison Park, come riporta il Sun, stanno facendo pressione sulla dirigenza affinché rivelino chi della squadra è stato accusato di aver commesso reati sessuali su minori.

I dirigenti, al momento, non hanno diffuso alcun nome ma avrebbero detto a tutti i giocatori dell’Everton di non contattare l’indagato per non complicare ulteriormente la situazione. Le stelle Toffees però, come conferma una fonte al tabloid inglese, non sono per niente tranquille: “I giocatori sono molto agitati, non sono contenti di essere trascinati in questa storia. I calciatori senior dell’Everton vengono contattati giorno e notte da altre stelle di Premier League, tutti alla ricerca di dettagli”.

Il club, riferisce il Daily Mail, sta fornendo supporto 24 ore su 24, 7 giorni su 7 al giocatore nel Merseyside e lo hanno trasferito in un alloggio temporaneo fino al completamento dell’indagine.

LEGGI ANCHE

Html code here! Replace this with any non empty raw html code and that's it.

I più letti