Kane ha ritardato rientro dai Caraibi ed è in quarantena: Tottenham furioso

Il Tottenham è furioso con Harry Kane. L’attaccante infatti ha esteso le sue vacanze ai Caraibi, disobbedendo agli ordini del club, e ora è in quarantena obbligatoria. Il capitano dell’Inghilterra dunque non si presenterà per l’allenamento pre-campionato degli Spurs almeno fino a domenica.

Kane ha ritardato rientro dai Caraibi ed è in quarantena: Tottenham furioso

Kane aveva già fatto infuriare il presidente Daniel Levy dopo che non si era presentato a Hotspur Way per i test nei giorni scorsi. Un tentativo chiaro del giocatore di forzare il suo trasferimento al Manchester City. Ma il Tottenham si è infuriato ancora di più quando ha scoperto che il centravanti ha prolungato le sue vacanze all’estero. Kane, così come tutti i suoi compagni di squadra, doveva tenere conto delle regole di quarantena del governo in caso di viaggi all’estero. Dettaglio che, l’attaccante non ha considerato. 

Piuttosto che tornare in tempo e tornare al lavoro all’inizio di questa settimana, il 28enne ha deciso di ritardare il ritorno nel Regno Unito ed è attualmente in autoisolamento. Harry sarà libero di tornare in casa Spurs solo dopo 5 giorni di quarantena. 

Il club di Londra, nonostante le tensioni, è determinato a non vendere il centravanti. Il nuovo tecnico del Tottenham, Nuno Espirito Santo, ha dichiarato il mese scorso che Kane non avrebbe lasciato il club quest’estate. Ma Nuno ora ha cominciato a lavorare non considerando il possibile rientro dell’attaccante. L’ex Spurs Darren Bent ha avvertito Kane suggerendogli che sta andando nella direzione sbagliata. In passato Bent ha vissuto la stessa situazione e ha spiegato di essere stato ostacolato in tutti i modi. Fare infuriare il presidente, infatti, non è il modo per uscire da questo status. 

Il trasferimento di Darren dal Tottenham al Sunderland nel 2009 è stato reso difficile proprio dal presidente Levy e ora lui consiglia a Kane di agire in modo diverso: “È sotto contratto e dovrebbe agire nel modo giusto in termini di presentazione. Stai con i tuoi compagni di squadra, fai i tuoi test, qualunque cosa tu debba fare. Dovrebbe presentarsi. Capisco al 100% la sua frustrazione. Vuole trasferirsi, ha detto chiaramente che vuole andarsene, ma penso che ci sia un modo giusto per affrontare le cose. Purtroppo è in un club dove può tenere il broncio e non presentarsi agli allenamenti, ma questo non risolverà le cose, non ammorbidirà la posizione di Daniel Levy”.

LEGGI ANCHE

Html code here! Replace this with any non empty raw html code and that's it.

I più letti