Jorge Messi contro Laporta: “Ci hai usato”. Ecco il motivo della rottura col Barcellona

Da quando è uscita la notizia che Messi avrebbe lasciato il Barcellona, non si parla più di altro. L’evento del secolo, che ha lasciato di stucco tutti, specie dopo che le scorse settimane, il neo eletto presidente Laporta aveva più volte sottolineato l’attaccamento della pulce al club blaugrana. Alla fine la rottura c’è stata, colpa del fair play finanziario adottato dalla federcalcio spagnola, ma secondo la popolare trasmissione El Chiringuito de Jugones, ci sarebbe stato un forte litigio tra Jorge Messi, padre del diez, e il patron Laporta.

Jorge Messi litiga con Laporta

Su Leo Messi si è scritto e detto tutto, o quasi. El Diez ha firmato per il Psg, per un ingaggio che oscilla tra i 30 e i 40 mln e oggi a mezzogiorno parlerà in conferenza stampa. Un duro colpo per i tifosi del Barca, che speravano che Laporta riuscisse a trattenere il giocatore più forte della storia blaugrana. Eppure, il patron, dopo tanti proclami, ha dovuto chinarsi dinanzi alla crisi finanziaria che ha colpito il club catalano. “Abbiamo ereditato una situazione nefasta dai nostri predecessori. Peggio di quello che ci aspettavamo”, ha spiegato Laporta qualche giorno fa. Ma allora perché illudere fino alla fine i propri tifosi?

Dalla Spagna emergono nuovi dettagli secondo cui, Laporta, dopo aver concordato con Messi un taglio dello stipendio del 50%, in fase di contratto ha proposto un ulteriore taglio che avrebbe fatto scendere l’ingaggio della Pulce del 70%. In totale sarebbero stati circa 20 mln di stipendio l’anno. Un taglio che ha fatto infuriare il padre procuratore: “Ci stai prendendo in giro? Abbiamo negoziato per 3 mesi e tu adesso mi stai facendo questo? Non me l’aspettavo!”. Ha tuonato Jorge Messi che poi ha attaccato frontalmente Laporta: “Hai usato mio figlio per vincere le elezioni”. La storia d’amore tra Messi e il Barcellona è finita nel peggiore dei modi.

LEGGI ANCHE

Html code here! Replace this with any non empty raw html code and that's it.

I più letti