Sarri ottimista sul calcio italiano: “Serie A senza top players? Sì ma abbiamo le idee. Il calcio moderno è folle”

Nella conferenza stampa prepartita, Maurizio Sarri ha sì parlato del match di domani tra Lazio e Spezia, ma si è soffermato su varie tematiche che interessano il mondo del calcio in generale. Il tecnico toscano si è soffermato soprattutto sull’esodo dei top players che hanno lasciato il calcio italiano.

Sarri ottimista sul futuro del calcio italiano

Mentre il calcio italiano assiste in una sola sessione agli addii di Donnarumma, Hakimi, Lukaku, de Paul e Cr7, Sarri si dice ottimista: “I risultati delle nazionali non corrispondono ai campionati. Ci sono pochi giocatori del paese stesso, in Inghilterra non ci sono tantissimi inglesi e in Italia non ci sono tantissimi italiani. Il calcio inglese ha una forza economica decisamente superiore. Ma questo non rappresenta tutto, i giocatori vanno e vengono, contano le idee, in Italia ora mi sembra che ci siano.

Poi il tecnico biancoceleste se la prende col calciomercato ancora aperto: “Mi sto concentrando poco sul mercato, molto su quello che dobbiamo fare. È un’anomalia del calcio moderno, la gestione delle partite amichevoli e del campionato a mercato ancora aperto. Mi sembra una follia del calcio moderno, se ne può discutere per ore di queste follie. Basti pensare che dal 1 giugno al 10 settembre, che sono cento giorni, i giocatori ne fanno circa settanta tra nazionale e vacanze. È un calcio in cui diventa sempre più difficile fare qualcosa di logico”. Chiosa finale sul campo dello stadio Olimpico che Sarri ha definito testualmente “indegno per una città importante come Roma”.

LEGGI ANCHE

Html code here! Replace this with any non empty raw html code and that's it.

I più letti