Thiago Silva deluso dal Psg a causa di Sergio Ramos: “Intristito dalla differenza di trattamento”

Thiago Silva quest’anno con la maglia del Chelsea è riuscito a vincere la Champions League, unico trofeo assente nel suo palmares. Eppure non ha dimenticato il Psg, con cui ha giocato per ben 8 stagioni. Il brasiliano si è detto “intristito” che la società abbia puntato su Sergio Ramos piuttosto che su di lui.

Thiago Silva deluso dal Psg

“Ci penso tanto, ma davvero tanto a tutto quello che è successo. Non ho nulla contro Sergio Ramos, ma Sergio, quando gli hanno offerto un contratto per due anni, aveva la stessa età che avevo io l’anno scorso”. Queste le parole di Thiago Silva a ESPN, che poi ha continuato: “E non lo capisco, davvero, questa è una cosa che mi ha intristito molto. Ma non ne ho parlato con nessuno, nonostante mi abbia reso molto triste. Non ho ricevuto nulla, è come se non avessi fatto niente per il Paris Saint-Germain…”.

Poi l’ex Milan ha spiegato: “Molti tifosi credevano che io volessi rimanere a Parigi, ma guadagnando gli stessi soldi. Ma non c’è niente di vero, al Chelsea guadagno meno della metà. Però mi lamento che il PSG non abbia mostrato più sensibilità riguardo il mio addio. Si poteva fare qualcosa di più. Non sono stati otto giorni o otto mesi, ma otto anni di vittorie e di lavoro”. Sergio Ramos ha firmato coi parigini a inizio luglio un biennale da 15 mln netti a stagione + bonus. Un contratto esagerato per un difensore fortissimo ma che ha 35 anni e che è nella fase discendente della sua carriera.

Sulla vittoria della Champions League, Thiago Silva ha commentato: “Ci ho provato per 8 anni col Psg e incredibilmente sono riuscito a vincerla al primo anno col Chelsea. Grazie a Dio che mi ha permesso di realizzare il mio sogno”. Poi ancora sul Psg: “Non ho rancore nei loro confronti anzi gli auguro di vincere tutto perché è un club che merita rispetto. Dico solo che la storia poteva finire in maniera diversa”.

LEGGI ANCHE

Html code here! Replace this with any non empty raw html code and that's it.

I più letti