Richards racconta Mancini: “Nello spogliatoio volevamo tutti aggredirlo”

Micah Richards è un buon ex difensore che ora si diverte come opinionista per SkySports Uk. Nella sua breve carriera (si è ritirato ad appena 31 anni), l’apice lo ha toccato con la maglia del Manchester City, dove ha vinto anche due Premier League, la prima delle quali con Roberto Mancini come allenatore. In realtà con l’attuale Ct dell’Italia Richards non aveva proprio un buon rapporto, come lui stesso ha raccontato ai microfoni di Goal.com. Anzi, nell’anno di quella Premier vinta all’ultimo respiro, tutto lo spogliatoio dei Citizens era rimasto scottato da alcune parole del Mancio…

Richards racconta Mancini

Era il 2011/2012 e al termine di una serratissima battaglia cittadina contro i rivali dello United, il Manchester City guidato da Roberto Mancini riuscì a portare a casa una storica Premier League. Il goal di Aguero su assist di Balotelli a tempo scaduto regalò alla parte blue di Manchester un trofeo atteso più di 40 anni. Tra i difensori di quel City figurava anche Micah Richards, che ora lavora come opinionista per SkySports Uk. L’ex centrale, parlando a Goal.com, ha sollevato il coperchio su alcuni dissidi dello spogliatoio dei Citizens con l’attuale allenatore della Nazionale Italiana.

Richards racconta Mancini

“Volevamo aggredirlo!”

La diatriba tra Mancini e lo spogliatoio scoppiò nel periodo in cui al Man City venne a mancare il proprio faro di centrocampo, Yaya Toure: “Sapevamo quanto Yaya fosse importante per la nostra squadra – racconta Richards – era un giocatore che quando si accendeva non poteva essere contenuto da nessuno al mondo. Era una parte essenziale della squadra, quando se ne andò per un mese rischiammo di perdere alcune partite vitali. Dopo una sconfitta con l’Everton, nel periodo in cui Yaya non c’era, Mancini per poco non fa scoppiare la terza Guerra Mondiale nello spogliatoio. Ci disse: ‘Non potete farcela senza Yaya’. Lo spogliatoio esplose, non ho mai visto nulla di simile. Volevamo tutti aggredire Mancini“.

Dallo scontro alla vittoria: merito di…Mancini

Richards racconta Mancini

La volontà di mister Mancini non era però certo quella di screditare il suo spogliatoio, semmai di spronarlo. Cosa che poi in effetti avvenne perchè dopo quello scontro il City si rimise a vincere in continuazione fino alla vittoria sul Qpr all’ultima giornata: “Quando le cose si calmarono – continua a raccontare Richards – Mancini ci disse: ‘L’ho fatto di proposito, perché sapevo avrei visto questa reazione. E avete reagito esattamente come voglio che facciate ogni singola settimana in campo“.

LEGGI ANCHE

Html code here! Replace this with any non empty raw html code and that's it.

I più letti