Ronaldo, mamma Dolores non potrà andare a Old Trafford: “Diventa troppo nervosa”

Manca sempre meno al debutto di Cristiano Ronaldo con la maglia del Manchester United. Un debutto che attirerà milioni di persone da tutto il mondo. Sua madre, però, potrebbe non essere tra queste. Il 36enne è tornato in Inghilterra dopo 12 anni e, dopo un periodo di auto isolamento, è ora pronto ad unirsi definitivamente alla squadra.

Ronaldo, mamma Dolores non potrà andare a Old Trafford

Il suo debutto in casa con i Red Devils potrebbe già avvenire questo weekend, nel match contro il Newcastle United. Un grande evento sì, a cui però la mamma di Ronaldo probabilmente non potrà partecipare. La donna infatti potrebbe non essere autorizzata a guardare il match. Perchè? Semplice, il figlio, ovvero il campione portoghese, non vuole che lei assista a questi eventi.

Dolores, secondo CR7, diventa troppo nervosa quando guarda i match più importanti del figlio e, in due occasioni, è addirittura svenuta. A confessarlo, lo stesso Ronaldo qualche tempo fa a Piers Morgan in un’intervista per il Daily Mail: Ora non le è permesso guardare grandi partite. Dico ‘Ascolta, non ho più un padre. Non voglio perdere anche mia madre, quindi non guarderai i quarti di finale, le semifinali o le finali”.

Troppo nervosa, motivo per cui è meglio che stia a casa tranquilla a fare altro:Lei diventa così nervosa, non capisco perché. Ora non le è permesso guardare grandi partite. Ho degli amici che stanno con lei e lei va a fare un giro per casa. È svenuta due volte allo stadio. È nervosa. Ha lavorato sodo per dare il massimo per i suoi figli e soprattutto per me perché sono il più giovane in la famiglia”.

L’atmosfera sarà elettrica a Old Trafford per il debutto del nuovo numero 7 del Manchester United. Atmosfera, che potrebbe non far bene a mamma Dolores, e Ronaldo lo sa benissimo. Motivo per cui probabilmente la donna non si vedrà spesso tra gli spalti dello stadio dello United. 

LEGGI ANCHE

Html code here! Replace this with any non empty raw html code and that's it.

I più letti