Scontro Sarri-Saelemakers: “Devi portare rispetto”. Ibrahimovic interviene

Il Milan vince a San Siro contro la Lazio e fa tre su tre. Leao e Ibrahimovic firmano il successo per la formazione di Pioli, ma il club milanese sbaglia anche un rigore con Kessie nel recupero del primo tempo. Supremazia netta dei rossoneri, Lazio mai particolarmente pericolosa. A fine gara però sulla panchina biancoceleste gli animi si scaldano. Maurizio Sarri si prende la scena per un faccia a faccia piuttosto animato con Alexis Saelemarkers. 

Scontro Sarri-Saelemakers: “Devi portare rispetto”. Ibrahimovic interviene

La scena è ripresa dalle telecamere e dal labiale si coglie quanto detto dal tecnico. L’ex Napoli, Chelsea e Juventus urla al giocatore rossonero: “Devi avere rispetto”Sarri è una furia con il belga e subito dopo si confronta anche con Zlatan Ibrahimovic. L’arbitro Chiffi, ancora in campo, interviene ed estrae il cartellino rosso per il toscano. 

Ma cos’è successo davvero? Il tecnico prova a spiegarlo ai microfoni di Dazn dopo il match: Un ragazzo ha fatto un gesto che non si fa alle persone anziane poi Ibrahimovic lo ha portato a chiedermi scusa ed è finita lì. Ma niente di che, sono tipiche cose da campo”.

Il battibecco è dimenticato, ma il risultato no. Per il toscano è tempo di analizzare il match. Qualcosa evidentemente non ha funzionato: “Abbiamo fatto una partita al contrario di quella che avevamo provato in settimana. La partita che avevamo preparato non era questa. Questo per me è fonte di delusione, poi bisogna essere anche lucidi, è chiaro che sto chiedendo qualcosa di molto diverso rispetto a quello a cui erano abituati. La squadra deve avere il coraggio di andare a difendere nella metà campo avversaria, se si deve perdere non giocando il nostro calcio”. 

Per Sarri, infine, la sosta internazionale sicuramente non ha aiutato: “Quando vieni da una sosta c’è sempre una incognita, con la sosta delle nazionali l’incognita è tripla. È un processo strano, ci sono gruppi diversi, modi di giocare diversi. Oltre a tutte le problematiche fisiche ci sono quelle mentali. Sono partite in cui l’incognita è forte, soprattutto per squadre come noi che ancora non hanno una fisionomia e una mentalità ben definita”. 

LEGGI ANCHE

Html code here! Replace this with any non empty raw html code and that's it.

I più letti