Ronaldo si improvvisa allenatore, Ferdinand: “Spavalderia. Gli avrei detto di smetterla e di sedersi”

Cristiano Ronaldo non basta. Il portoghese segna il suo terzo gol con la maglia del Manchester United, ma sono gli svizzeri dello Young Boys a vincere la prima partita del Girone F di Champions League. Serata particolare per il 5 volte Pallone d’Oro, che scendendo in campo è diventato il giocatore con più presenze nella storia della Champions League (177 come Iker Casillas). Prima colpisce una steward con una pallonata, poi il gol e la sostituzione. Ma la sua gara non finisce qui. In panchina il portoghese si improvvisa allenatore, un vice Solskjaer, ma in molti non apprezzano questo atteggiamento. Tra questi, una sua vecchia conoscenza, Rio Ferdinand.

È CR7 ad aprire il match allo Stade de Suisse. Il Manchester United chiude il primo tempo in vantaggio, la situazione però presto cambia. Lo Young Boys, grazie a Ngamaleu, aggancia i Red Devils e porta il risultato sull’1-1. Al 72’, il portoghese lascia il suo posto a Lingard ma l’ex Juventus non si dirige in panchina. No, si trasforma nel vice del tecnico Solskjaer. Comincia infatti a sbracciarsi e a dare indicazioni ai compagni in campo. 

Ronaldo si improvvisa allenatore, Ferdinand: “Spavalderia”

Un atteggiamento che ha infastidito parecchi tifosi, ma anche opinionisti, come Rio Ferdinand. L’ex Manchester United, nonché ex compagno di squadra di CR7, critica il comportamento del centravanti in diretta: È spavalderia per i tifosi. Fossi stato il suo allenatore gli avrei detto di smetterla e di mettersi a sedere. Ma Cristiano è fatto così. Vuole vincere sempre e, se si convince che deve mettersi accanto al tecnico a gridare istruzioni per ottenere la vittoria, lo fa e basta sfruttando il suo carisma”.

Non è la prima volta che Ronaldo si improvvisa vice allenatore. Il caso più famoso è sicuramente quello della finale degli Europei del 2016. L’attaccante in quell’occasione è costretto a lasciare il campo per infortunio, ma non abbandona i compagni. Resta vicino al CT Santos e dà indicazioni alla formazione portoghese. Il Portogallo vince poi la finale e diventa campione d’Europa. 

Con il Manchester United, invece, non finisce così bene. Al 95’ il centravanti dello Young Boys Siebatcheu segna il gol che chiude la partita e condanna i Red Devils alla sconfitta. I primi tre punti del girone vanno al club svizzero.

LEGGI ANCHE

Html code here! Replace this with any non empty raw html code and that's it.

I più letti