Calcio francese senza pace: stavolta gravi scontri in Angers-Marsiglia

A poco più di un mese dal ritorno dei tifosi sugli spalti il calcio francese sembra proprio non riuscire a trovar pace: dopo i disordini durante Nizza-Marsiglia e quelli in occasione di Lens-Lille, stavolta a sconvolgere la Ligue 1 sono stati i gravi incidenti andati in scena dopo il fischio finale della sfida tra Angers e Marsiglia. Incidenti degenerati in una clamorosa rissa all’interno del rettangolo di gioco.

Gli scontri in Angers-Marsiglia

Ancora incidenti in Ligue 1, che dal ritorno dei tifosi sugli spalti dopo l’assenza forzata dovuta alle restrizioni per il Covid-19, continua ad essere scossa da gravi problemi di ordine pubblico negli stadi. Stavolta teatro degli scontri è stato lo Stade Raymond Kopa, dove si affrontavano Angers e Marsiglia in una sfida terminata 0-0. Dopo il fischio finale i supporter ospiti hanno violato il cordone di sicurezza formato dagli steward e invaso il campo puntando dritti contro i tifosi di casa. Inevitabili gli scontri con violenti pugni e calci da ambo le fazioni.

Già durante la partita i tifosi di entrambe le squadre avevano lanciato razzi e petardi provocando anche danni alle attrezzature dello stadio. Lo speaker ha più volte invitato il pubblico alla calma, ma con scarsa efficacia. Secondo quanto riportato da RMC Sport l’Olympique Marsiglia, in un rapporto prepartita, aveva espresso grande preoccupazione per la facilità con cui i propri fan avrebbero potuto invadere il campo. Preoccupazioni giustificate, ma a quanto pare rimaste inascoltate. Una cosa è certa: il calcio francese ha un problema-tifosi, e dovrà cercare di risolverlo al più presto prima che la situazione degeneri irrimediabilmente.

Scontri in Angers-Marsiglia
Scontri in Angers-Marsiglia

LEGGI ANCHE

Html code here! Replace this with any non empty raw html code and that's it.