Crisi Derby County, Rooney contro il presidente: “Non mi risponde al telefono”

Crisi profonda al Derby County e il presidente Mel Morris sembra sparito. La squadra delle East Midlands sta attraversando un periodo piuttosto difficile. Il club alcuni giorni fa è stato rilevato dalla società di consulenza aziendale Quantuma, perché posto in amministrazione controllata. Questo ha innescato una detrazione automatica di 12 punti. Il club vive nell’incertezza totale e in tutto questo caos il presidente sembra scomparso. A rivelarlo è il tecnico Wayne Rooney.

Crisi Derby County, Rooney contro il presidente: “Non mi risponde al telefono”

I giocatori, lo staff e i dipendenti del club, spiega Wayne al Sun, hanno parecchie domande sul futuro del Derby County. Ma il presidente è piuttosto vago:  Non parlo con Mel dal 9 agosto e credo sia tutto un po’ irrispettoso. Non sto chiedendo scuse, ma come manager della squadra ricevevo ogni giorno domande da giocatori e personale e non posso rispondere. Sono stato ferito da questo. Martedì si è rivolto ai giocatori e allo staff durante una riunione di gruppo, ma il suo discorso era sostanzialmente lo stesso di un’intervista fatta alla radio. Secondo me non era sincero. Non è stato abbastanza sincero e non è stato fatto con abbastanza onestà”.

Rooney vorrebbe avere un faccia a faccia con lui, ma il presidente non risponde neanche al telefono: “Ma una conversazione a due? Non l’ho ancora avuto. Ho provato a telefonargli ma non ha risposto. Una volta l’ho chiamato con il telefono del medico e lui ha risposto. Quindi risponde alle chiamate del medico del club ma non a quelle del manager. C’è un modo di gestire le cose ed è essere aperti e onesti. Questo semplicemente non è successo. Sono così deluso”.

L’ex Manchester United ha ribadito che, nonostante tutto, non lascerà il club, ma se avesse saputo dei problemi finanziari probabilmente non avrebbe accettato il lavoro. Il Derby ora potrebbe subire ulteriori sanzioni e Rooney crede che se ciò dovesse accadere diventerebbe ancora più difficile in Championship. 

Rooney, infine, rivela di essere stato tenuto all’oscuro di tutto per settimane da Mel Morris. Una cosa inaccettabile secondo lui: La comunicazione è fondamentale. Mia madre è esattamente nella stessa posizione. Mia madre lavora ancora nella stessa scuola in cui sono andato io, come addetta alle mense. Ci sono notizie sul fatto che quella scuola venga chiusa. Non sa se avrà un lavoro o no. Siamo in un momento difficile, ma se ci metti impegno e impegno puoi farcela. Quindi so come funziona la vita e la lotta che molte persone hanno con le bollette o i mutui e mettendo il cibo in tavola. Conosco molte persone e famiglie che lo affrontano quotidianamente”. 

In queste situazione, secondo l’ex campione, bisogna semplicemente essere chiari: Il modo migliore per gestirlo è essere aperti e onesti. In caso contrario, le persone lo vedranno. La trasparenza e l’onestà significano molto, anche se è una decisione difficile da prendere e le persone perdono il lavoro. Non passi davanti alle persone, parli con loro”.

LEGGI ANCHE

Html code here! Replace this with any non empty raw html code and that's it.

I più letti