Miracolo del portiere, l’attaccante perde la testa e gli dà un calcio in faccia (VIDEO)

Assurdo quanto accaduto in Polonia nella sfida di Prima Divisione (la nostra Serie B) tra il Podbeskidzie e il Resovia Rzeszów. Al minuto 30, con i padroni di casa in vantaggio per 1-0, l’occasione del raddoppio è capitata sui piedi del capitano Kamil Bilinski il quale però dopo un controllo non ottimale è stato fermato dal portiere avversario Branislav Pindrochem in uscita. A quel punto il 33enne attaccante ha letteralmente spento per alcuni attimi il cervello rifilando un clamoroso calcio in faccia all’estremo difensore del Rzeszòw. Inevitabile l’espulsione, nonostante le immediate scuse.

Attaccante perde la testa

Davvero un brutto episodio quello che è andato in scena allo Stadion Miejski di Bielsko-Biała, dove per la decima giornata della serie B polacca si scontravano Podbeskidzie e Resovia Rzeszów. Alla mezz’ora del primo tempo il portiere degli ospiti Branislav Pindrochem ha fermato con un’uscita bassa l’attaccante Kamil Bilinski. Palla in angolo e azione finita? Nient’affatto perchè dopo aver in un primo momento ritirato la gamba, all’improvviso l’attaccante ha perso la testa e ha sferrato un durissimo calcio in faccia all’avversario. Un vero e proprio raptus durato pochi secondi, dato che il 33enne è subito rinsavito richiamando velocemente l’intervento dello staff medico.

Attaccante perde la testa

Bilinski ha richiamato l’attenzione dello staff medico che è subito corso in soccorso del portiere steso a terra. Nonostante questo però l’arbitro della sfida il signor Jakubik, dopo aver rivisto l’azione al Var ha estratto un giustissimo cartellino rosso nei confronti dell’attaccante, che ha accettato senza protestare la decisione del fischietto polacco. Ora molti tifosi sui social chiedono per il 33enne una punizione esemplare per un gesto che sarebbe anche potuto costare la carriera al malcapitato Pindrochem.

Ecco il VIDEO dell’entrata killer:

LEGGI ANCHE

Html code here! Replace this with any non empty raw html code and that's it.

I PIù LETTI DELLA SETTIMANA