Giallo Sanchez: scrive un criptico post poi lo cancella. Addio all’Inter vicino?

Nel buon avvio di stagione della nuova Inter targata Simone Inzaghi chi certamente non sta brillando è l’attaccante Alexis Sanchez. Il cileno sembra sempre più ai margini del progetto nerazzurro, ed in questo primo scorcio di stagione è sceso in campo per meno di un’ora totale in campionato (52 minuti complessivi) e per appena 18 minuti in Champions League. Troppo poco per un giocatore dall’ingaggio pesantissimo e che vuole ancora sentirsi importante. Per scaricare la sua frustrazione Sanchez ha pubblicato, poi rimosso, un polemico post notturno sulla sua pagina Instagram.

Il polemico post di Sanchez

Il volto sconsolato in panchina di Alexis Sanchez nonostante la bella rimonta dell’Inter sul campo del Sassuolo è l’emblema della frustrazione dell’attaccante cileno per lo scarso utilizzo che di lui ha fatto Simone Inzaghi in questo inizio di stagione. Il classe ’88 è scontento, e non fa niente per nasconderlo: nella notte tra sabato e domenica infatti ha pubblicato un criptico post su Instagram in cui ha lasciato intendere quanto il suo ruolo da comprimario in nerazzurro gli vada molto stretto. Sotto un’immagine di una Ferrari abbandonata ed immersa nella sabbia un messaggio in spagnolo recitava: “Renditi conto che puoi valere molto, ma se sei nel posto sbagliato, non brillerai“.

Un messaggio, poi cancellato, molto probabilmente indirizzato a Simone Inzaghi e che suona come un addio all’Inter, con i nerazzurri che di sicuro non sarebbero dispiaciuti di risparmiare i 7 milioni netti d’ingaggio percepiti annualmente dall’attaccante cileno. A Milano si parla di una cessione già nella finestra invernale di Gennaio: l’Olympique Marsiglia e i due club di Siviglia (Siviglia e Betis), sembrerebbero molto interessate, ma sarebbero frenate dalle esose richieste del Nino Maravilla. Una cosa pare certa: per il classe ’88 a Milano non sembra proprio esserci più spazio.

LEGGI ANCHE

Html code here! Replace this with any non empty raw html code and that's it.

I più letti