Follia in Brasile, aggressione brutale all’arbitro dopo ammonizione: arrestato Ribeiro

Follia in Brasile. L’arbitro finisce in ospedale dopo essere stato aggradito brutalmente da William Ribeiro. Il giocatore, furioso per un’ammonizione, è stato arrestato con l’accusa di tentato omicidio. Siamo nella Serie A2 brasiliana, in campo, allo stadio Edmundo Feix, si sfidano San Paolo RS e Guarani. Tutto procede normalmente, almeno fino 15’ del secondo tempo. Dopo l’1-0 della squadra di Campinas, il centrocampista del San Paolo viene ammonito dall’arbitro Rodrigo Crivellaro. Il giocatore perde completamente la testa.

Aggressione brutale all’arbitro dopo ammonizione: arrestato Ribeiro

Ribeiro prende a calci con violenza l’ufficiale di gara e lo aggredisce brutalmente. Le riprese video della partita mostrano il giocatore che scaraventa a terra Crivellaro. Poi, nonostante l’arbitro giaccia sul campo impotente, il centrocampista gli dà un altro orribile calcio alla testa. Gli avversari increduli intervengono, cercando di fermare e trattenere Rodrigo. Alcuni di loro, vedendo il direttore di gara a terra e apparentemente privo di sensi, chiedono subito l’intervento dell’equipe medica.

Dopo le prime cure del caso, è arrivata l’ambulanza che ha trasportato d’urgenza l’arbitro all’ospedale di Venancio Aires, vicino a Porto Alegre, nel sud del Brasile. Alle 23 ora locale, è stato diramato un bollettino medico che comunicava che Crivellaro era sveglio, ma ancora sotto osservazione. 

Ribeiro invece, subito dopo l’aggressione, è stato trattenuto all’interno dello stadio dalla polizia militare prima di essere condotto alla stazione di polizia. La Federcalcio del Gaucho (FGF) ha dichiarato che la Corte di giustizia sportiva (TJD-RS) “indagherà sui fatti e si occuperà delle rispettive sanzioni”. Nel frattempo il San Paolo ha cancellato il contratto di Ribeiro. 

A confermarlo è il presidente del club, Goulart Pereira, che ha rilasciato una dichiarazione ufficiale per scusarsi: “Nel giorno esatto in cui tutta la famiglia rossoverde si è radunata per celebrare il 113° anniversario del San Paolo RS, il nostro club ha affrontato uno degli episodi più tristi della sua storia, una scena fatidica che ha scioccato tutte le persone che amano non solo il calcio gaucho ma tutti coloro che amano lo sport in generale. Siamo dispiaciuti e ci vergogniamo profondamente. Inviamo tutte le scuse del mondo all’arbitro e alla sua famiglia oltre a scusarci con il pubblico in generale per la scena deplorevole vista oggi”.

Pereira precisa poi che il club prenderà tutte le misure legali possibili: “Il contratto dell’atleta incriminato è risolto. Inoltre, verranno prese tutte le misure legali possibili in relazione all’incidente”. La partita, che è stata interrotta a mezz’ora dalla fine, verrà recuperata nei prossimi giorni. 

LEGGI ANCHE

Html code here! Replace this with any non empty raw html code and that's it.