Disastro Barcellona, dopo aver chiuso accordo con Griezmann si sono resi conto di non avere i soldi per lui

Il Barcellona è in una situazione finanziaria sempre più disastrosa e ora emergono nuovi sconvolgenti dettagli sull’accordo siglato con Antoine Griezmann. Il Barça,  guidato allora da Bartomeu, ha pagato la clausola rescissoria del fuoriclasse francese e ha annunciato di aver firmato un contratto quinquennale con il centravanti il pomeriggio del 12 luglio 2019. Gli avvocati di Griezmann, in mattinata, avevano depositato nella sede della Liga i 120 milioni della clausola rescissoria. Soldi versati in un’unica tranche dal Barcellona ai colchoneros. Tutto nella norma, se non fosse che la sera stessa, e quindi sempre il 12 luglio 2019, i blaugrana si accorgono di non avere i soldi per questa spesa. 

Barcellona, dopo aver chiuso accordo con Griezmann si sono resi conto di non avere i soldi

A svelarlo è il direttore generale del club, Ferran Reverter, in un’intervista a Marca: “C’era una mancanza di pianificazione finanziaria. L’idea che ci siamo fatti è che quando si prendeva un giocatore, non si pensava se c’erano le risorse per pagarlo. Questo è il caso di Griezmann, la stessa notte che lo hanno ingaggiato, si sono resi conto che non potevano pagarlo e hanno avuto bisogno di aprire una linea di credito per 85 milioni di euro”.

Stessa sorte per il trasferimento di Coutinho: “L’operazione Coutinho, che è costato 120 milioni, è finita per costare 16,6 in più per spese finanziarie. Hanno comprato giocatori senza sapere se potevano pagarli”. Il Barça, inoltre, non ha rispettato diversi impegni e questo ha portato alla limitazione delle iscrizioni di nuovi giocatori, come si è visto in estate. Impegni con banche, con la Liga e l’Uefa. 

Il presidente del Barcellona Joan Laporta ha annunciato che il debito del club ha ormai raggiunto la cifra di 1,35 miliardi di euro, mentre questa settimana è stato confermato che il club ha registrato 409 milioni di perdite per la stagione 2020/21.

Griezmann, nel frattempo, è tornato in prestito all’Atletico Madrid. Una delle tante mosse escogitate dalla dirigenza per tagliare uscite ingenti sugli stipendi dei giocatori. Si dice che l’accordo diventerà permanente se il francese giocherà almeno il 50% delle partite dei colchoneros. I campioni della Liga, in quel caso, potranno acquistarlo a titolo definitivo per la seconda volta per soli 40 milioni di euro.

LEGGI ANCHE

Html code here! Replace this with any non empty raw html code and that's it.

I più letti