Ronaldo sconfitto…dal Comune di Lisbona: il portoghese costretto a demolire veranda abusiva

Alla fine la legge comunale si è dimostrata davvero “uguale per tutti” e Cristiano Ronaldo si è visto costretto a demolire la veranda abusiva che aveva realizzato nell’attico della sua lussuosa casa da 7 milioni di euro di Lisbona. Veranda, tutta realizzata in vetro e metallo, in cui il fenomeno del Manchester United aveva piazzato l’immancabile palestra.

Comune di Lisbona vs Ronaldo

Tutto era iniziato a Maggio con la denuncia dell’architetto José Mateus, responsabile della progettazione dell’edificio su cui sorge il super attico acquistato da Cristiano Ronaldo: “L’ammirazione e il rispetto che avevo per Cristiano Ronaldo è andato in frantumi (…). Sono rimasto scioccato e sorpreso quando ho visto cos’era stato costruito in cima all’edificio. Combatterò fino in fondo. Se questa struttura non viene demolita, andrò in tribunale. Ci vuole rispetto per gli altri e per il lavoro degli altri“. Non c’è stato bisogno del tribunale, perchè a 4 mesi da quella denuncia, il Comune di Lisbona ha dato ragione a Mateus.

Il Comune di Lisbona, come riporta Fanpage, ha dato ordine di “procedere al ripristino della legalità urbana” entro 15 giorni. A quel punto Ronaldo aveva due opzioni: abbattere la veranda o apportare modifiche alla struttura per renderla legale. Il portoghese ha optato per la prima ipotesi, chiedendo una proroga del termine per attuarla dopo la scadenza dell’1 Agosto. A Settembre ha fatto sparire dal tetto la tanto chiacchierata veranda. Almeno per il momento, perchè a quanto pare l’entourage dell’attaccante dello United sta studiando “un’alternativa per lo stesso spazio e all’interno della legge“.

cristiano ronaldo

Del resto, come potrebbe vivere CR7 senza una palestra in casa?

LEGGI ANCHE

Html code here! Replace this with any non empty raw html code and that's it.

I più letti