D’Aversa durissimo con Askildsen: “Sostituito? Dovreste sorprendervi che non l’ho picchiato”

Brutta sconfitta per la Sampdoria, che sabato sera ha subito un secco 3-0 in casa del Torino. Una pessima prestazione per la squadra allenata da Roberto D’Aversa, che adesso si ritrova a ridosso della zona retrocessione con appena 9 punti conquistati in 11 partite. Il tecnico ex Parma è apparso estremamente arrabbiato con i suoi giocatori al termine del match, in particolare con uno di loro, il norvegese Kristoffer Askildsen. E nella conferenza stampa post gara gli ha lanciato un durissimo attacco.

Lo sfogo di D’Aversa

Askildsen era stato mandato in campo dal tecnico blucerchiato al minuto 69, in sostituzione di Bereszynski, sul risultato di 2-0 in favore del Torino, ma dopo appena 12 minuti il norvegese è stato richiamato in panchina. Per lui giusto il tempo di prendersi un cartellino giallo. La prestazione del classe 2001 ha fatto letteralmente infuriare D’Aversa, il quale sollecitato dai cronisti nel postpartita sulla motivazione del cambio lampo, non ha risparmiato una dura critica nei confronti del proprio giocatore.

Perché l’ho cambiato subito? Dovreste essere sorpresi che non sono entrato in campo per picchiarlo – ha dichiarato il tecnico della Samp – perché bisogna sempre onorare la maglia della Sampdoria“. Poi ha aggiunto: “In lui vedo qualità ma quando effettuo un cambio con un giocatore ammonito voglio che venga data l’anima sul campo. Per lui è stato un segnale, come per altri. Bisogna onorare la maglia: una volta glielo dici con le buone…“.

Nonostante la sconfitta, la seconda consecutiva, il patron Ferrero ha per ora confermato D’Aversa in panchina, ma la squadra andrà da subito in ritiro. La sfida di domenica prossima contro il Bologna a Marassi diventa a questo punto cruciale per le sorti del tecnico abruzzese.

LEGGI ANCHE

Html code here! Replace this with any non empty raw html code and that's it.

I PIù LETTI DELLA SETTIMANA